MotoGP Brno, Crutchlow lite con i dottori: “Voglio correre”

Cal Crutchlow, LCR Honda (©Getty Images)

Cal Crutchlow non si smentisce mai e con il suo consueto atteggiamento crudo dopo le qualifiche concluse con uno strepitoso quinto posto ha fatto sapere la sua ai dottori del circuito di Brno.

Il caso è partito dalla sua caduta nelle libere 3 del mattino scatenata dall’olio lasciato in pista alla curva 3 dalla Ducati Aspar di Alvaro Bautista e che ha visto coinvolto anche Marc Marquez. A quel punto, condotto al centro medico del tracciato, l’inglese è stato visitato dal dr Angel Charte, il quale ha ravvisato una possibile frattura alla schiena. Comunicato il verdetto all’interessato quest’ultimo se n’è totalmente disinteressato e così malgrado i pareri contrari si è infilato casco e tuta ed è salito sulla sua moto per prendere parte alla sessione più importante del sabato.

“Rispetto moltissimo il dottor Charte e tutti i medici della clinica, ma la decisione spettava a me ed ecco il motivo per cui mi sono tanto alterato”. Ha dichiarato al termine del turno. “Sono qui per correre ed è quello che voglio fare. Successivamente andrò in ospedale per verificare se c’è davvero qualcosa che non va alle vertebre.

Nella serata un portavoce del team di Lucio Cecchinello ha confermato a Motorsport.com che Crutchlow si era effettivamente recato al nosocomio di riferimento e che lì non erano stati rilevati danni particolarmente gravi. E dunque il centauro della Honda sarà regolarmente al via del GP della Repubblica Ceca.

Nonostante fortunatamente per lui non ci siano problemi va sottolineata comunque la determinazione mostrata se si considera poi che il quinto crono staccato lo vede lontano dal poleman Marquez soltanto di mezzo secondo.

Al momento il 31enne occupa la piazza 10 della classifica generale piloti con 64 punti e ha ottenuto come miglior risultato finora un podio in Argentina, mentre ha chiuso due volte quarto in Texas e in Olanda.

Chiara Rainis