Yamaha: Rossi, Vinales e l’enigma telaio 2016/2017

Valentino Rossi a Brno (©Getty Images)

Nel venerdì in Repubblica Ceca la Yamaha satellite si è rivelata ancora una volta la M1 più veloce al termine delle prove libere. Dopo la pausa estiva ritorna l’enigma vecchio telaio per Valentino Rossi e Maverick Vinales. Ma a fare chiarezza è il Project Leader della YZR-M1, Kouji Tsuya, che ha seguito passo dopo passo le intere vicende legate al telaio.

I due alfieri Movistar Yamaha hanno riesaminato il telaio 2016 prima dell’inizio di stagione e durante i test post gara in Catalunya. Sia Rossi che Vinales hanno riscontrato grosse difficoltà in condizioni di caldo e scarso grip, vedi Jerez e Montmelò. Al contrario ​ i satelliti Tech 3 Johann Zarco e Jonas Folger erano competitivi sulle moto dello scorso anno. Un bell’interrogativo per la casa di Iwata che sotto sotto ha provato anche a rimescolare il vecchio telaio.

Infatti Kouji Tsuya ha confermato che durante i due giorni di test in Catalunya i due piloti ufficiali hanno provato a girare sia con il telaio 2016 che con due nuovi telai, oltre a quello di inizio campionato. “Siamo stati per due giorni di prove a Barcellona. E abbiamo confrontato, con entrambi i piloti, quattro telai: uno era il telaio di quest’anno, uno era il telaio dello scorso anno che usa Tech 3. E abbiamo anche preparato due tipi di nuovi telai – ha aggiunto Tsuya -. Infine, entrambi i piloti hanno scelto lo stesso telaio, uno dei nuovi. E adesso entrambi i piloti usano questo stesso telaio”. Nessuna diversità di vedute, nessun bivio al box.