Vinales punge Yamaha: “Non ho scelto io i cambiamenti”

Maverick Vinales
Maverick Vinales (©Getty Images)

Maverick Vinales ha vissuto una giornata difficile a Brno. Lo spagnolo non ha trovato il giusto feeling con la sua Yamaha e ha chiuso solo settimo. Partirà dalla terza fila e dovrà essere veloce per portarsi subito sui primi.

Il 22enne di Figueres ha lamentato problemi di setup soprattutto. Su questo il team deve lavorare in particolare. C’è tempo fino al warmup di domattina per trovare una soluzione. E bisognerà anche vedere quali saranno le condizioni climatiche. Non è escluso che il Gran Premio della Repubblica Ceca 2017 si possa correre sul bagnato. In condizioni di pista umida l’ex Suzuki in FP1 era sesto, dietro Valentino Rossi (oggi secondo).

MotoGP Brno, Maverick Vinales dopo le Qualifiche

Maverick Vinales, ripreso da AS, ha spiegato quali sono i problemi che non gli hanno consentito di essere competitivo nelle Qualifiche: “Non posso far girare la moto e frenare tardi. E’ una combinazione che non mi fa fare un giro veloce. Nelle curve vado largo ed è difficile guidare così. Per domani dobbiamo cambiare molte cose”.

Gli viene domandato se è una questione di messa a punto della sua Yamaha: “Credo di sì, non si adatta al telaio che abbiamo. E’ lo stesso del Sachsenring”. Allo spagnolo viene chiesto se, visto il suo ottimo inizio di campionato, fosse meglio evitare tanti cambiamenti sulla moto: “Non sono stato io a optare per fare tanti cambiamenti. La moto funzionava bene, abbiamo solo avuto problemi a Jerez e Montmelò, che erano circuiti con poco grip. Penso che con pochi cambiamenti avremmo avuto aderenza. Però la situazione ora è questa e devo uscirne. Devo trovare il miglior pacchetto e dare tutto, partire bene e cercare di stare coi primi”.

Dei piloti in lotta per il titolo è quello messo peggio, però resta lo stesso ambizioso per domani a livello di obiettivi: “Sarà difficile, ma devo dare il cento per cento e arrivare più avanti possibile. Cercare di vincere. Se non posso, arrivare secondo o terzo. Questo deve essere il limite nella seconda metà della stagione”.

A Maverick viene posto il quesito inerente la possibilità di tornare al vecchio telaio 2017. Se lui ha potete decisionale per farlo: “Non lo so. Sono decisioni difficili, devono essere prese con calma e con la Yamaha. L’unico che è migliorato è Valentino”. A proposito di Rossi, viene anche domandato se guardare i suoi dati può aiutarlo: “Servono sempre. Vedremo nel dettaglio cos’ha fatto Valentino e se possiamo provarlo domani per vedere come va la moto. Gli stili di guida non sono molto diversi. Forse può essere un cammino da seguire”.