Bottas punta al mondiale: “Non mi metterò in ombra per Hamilton”

Valtteri Bottas  (©Getty Images)

Zitto zitto e senza clamori Valtteri Bottas ha tirato fuori le unghie e così facendo, grazie a due successi ottenuti in Russia e in Austria, ha terminato la prima parte di stagione in una discreta terza piazza nella generale piloti. Un risultato al di sopra delle attese di molti ma soprattutto di Hamilton che, liberatosi del fastidioso Nico Rosberg, sognava un 2017 di piena tranquillità da condividere con un vicino di box zerbino, utile strumento per il raggiungimento del quarto titolo. In pratica tutti conti senza l’oste, considerato che l’ex pupillo Williams ha mostrato finora un caratterino non da poco, come si è potuto notare dall’episodio di Budapest, quando ha ringraziato ma neppure troppo l’inglese per avergli riceduto la posizione al momento della bandiera a scacchi, dopo che questi era passato avanti nel tentativo di riprendere Vettel, suo diretto avversario.

“Non tutti i compagni di squadra avrebbero ceduto un podio, ma ugualmente mi sarei arrabbiato se Lewis non fosse stato ai patti. La squadra ha infatti chiarito sin da subito che entrambi saremmo stati trattati alla pari”. Ha riferito a Sport Bild il driver di Nastola. “Abbiamo entrambi lo stesso materiale e non esiste un numero 1 o 2. Io mi devo occupare della mia carriera. Non voglio stare nell’ombra di Lewis. Il mio target attuale è lottare per il campionato e so di poterlo centrare già quest’anno. Restando ancora nove gare da disputare e sono certo di avere le carte per battere sia il mio team-mate, sia Seb avendolo già fatto in questi mesi. Sto continuando a migliorare. E per me non esistono limiti”. Ha proseguito palesando una certa sicurezza nei propri mezzi.

“Non potrei mai dire che uno dei miei avversari è meglio di me. Io credo nelle mie capacità”. Ha rimarcato. Quindi a proposito del suo futuro incerto in Mercedes Bottas si è mostrato altrettanto positivo. “Da quando faccio questo lavoro mi è capitato spesso di dover aspettare fine stagione per sapere qualcosa, di conseguenza sono abituato. Comunque non mi sento preoccupato. Con i ragazzi mi trovo bene e fino ad adesso ho ricevuto dei buoni feedback”.

Chiara Rainis