Seb Vettel: “La miglior strategia è l’attacco!”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

All’Hungaroring Sebastian Vettel conquista la 48esima pole in carriera, un successo reso ancor più effervescente dal secondo posto di Raikkonen. La Ferrari ha la possibilità di portare a casa una doppia vittoria come a Monaco, ma serve una partenza senza sbavature e una strategia impeccabile. Perchè alle spalle Mercedes è pronta a colpire.

E’ pur vero che il circuito magiaro sembra favorire le prestazioni della SF70H, la vittoria può sfuggire solo per un errore. “Passo dopo passo stiamo crescendo – ha detto il tedesco -. Non abbiamo ancora vinto nulla, ma sono contento e sento la spinta anche da chi lavora in azienda e dall’Italia”. Vero, perchè alle 14 saranno milioni gli italiani incollati alle tv, dato che la gara sarà trasmessa in diretta anche sui canali Rai. Stavolta i pronostici sono tutti a favore della Rossa. A chi chiedeva una reazione dopo Silverstone è arrivata immediatamente.

Guai però a cantare vittoria prima di tagliare il traguardo. “Penso che Mercedes sarà forte in gara, non so quello che avevano oggi, ma credo che torneranno in prima linea – ha avvertito Sebastian Vettel -. La concentrazione qui è sempre un fattore importante, perché fa sempre caldo e la corsa ha molti giri, è piuttosto lunga. Abbiamo bisogno di guardare alla strategia gomme, ci sono un sacco di opzioni. Penso che siamo ben preparati”.

Quale sarà la strategia giusta per vincere in Ungheria? “L’attacco! Se si sbaglia alla partenza naturalmente si perdono posizioni. Ma abbiamo anche motivo di essere fiduciosi, la macchina è buona e veloce e anche il long run che avevamo il venerdì sembrava abbastanza buono. Voglio prima concentrarmi sulla partenza e poi vedremo”. Sarà un week-end importante per la corsa al titolo mondiale, ma Maurizio Arrivabene avverte: “Sì, ma bisogna andare forte ovunque. È andata molto bene, a dimostrazione che la squadra c’è e c’è sempre stata. Ma il 70% del lavoro è ancora da fare”.

Luigi Ciamburro