Tutti i piloti contro l’Halo tranne il duo Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari, Halo (©Getty Images)

Le due settimane trascorse tra il GP di Silverstone e l’Ungheria hanno portato una grande novità in F1. La FIA ha infatti deciso per l’adozione dell’Halo a partire dal 2018. Un obbligo che la maggior parte dello schieramento non ha esattamente preso bene, anzi su cui non ha temuto di esprimersi piccatamente nel classico giovedì dedicato ai media.

“Non mi piace, però alla fine dovremo rispettare la scelta della Federazione”. Ha dichiarato Max Verstappen della Red Bull. “A mio avviso la Virtual Safety Car ha già aiutato a ridurre i rischi di eccedere in velocità sotto bandiere gialle, inoltre ormai non esiste più il pericolo di perdere le ruote, senza dimenticare che in caso di detriti volanti questo sistema non offrirebbe alcuna protezione. Non capisco dunque perché dovremmo averne bisogno. Finché lo avremo non mi divertirò più a guidare”.

Altrettanto deluso si è mostrato Kevin Magnussen. “Secondo me toglie passione ed è brutto. Una monoposto deve essere l’opposto”. Il pensiero del danese della Haas. “Ecco il motivo per cui una Ferrari è meglio di una Mazda. Se qualcosa sembra una m***a, è una m***a”.

Un’altra stoccata è arrivata dall’altro driver Haas Romain Grosjean. “Il giorno che è stato fatto l’annuncio è stato un momento triste per il Circus”. Il disappunto del ginevrino. “Per quanto mi riguarda sono contrario. Un sistema del genere non dovrebbe esserci nel nostro sport e da membro e presidente della GPDA (Associazione Piloti) ci tengo a segnalare che forse non sono state valutate con precisione tutte le situazioni. Ad esempio potrebbe creare problemi di visibilità del semaforo o delle bandiere, di conseguenza bisognerebbe guardare con più attenzione”.

“E’ un errore, ma soprattutto non si potrà più tornare indietro”. Ha aggiunto carico Jolyon Palmer della Renault. “Sarà la fine della F1 come l’abbiamo conosciuta, ossia con il cockpit aperto. Credo che la sua introduzione sia soltanto una reazione eccessiva a problematica avute in altre categorie. Dal 1994 abbiamo avuto soltanto un incidente, purtroppo drammatico, e l’Halo non avrebbe potuto evitarlo”.

Insomma, unici favorevoli finora alla trasformazione dell’abitacolo si sono dimostrati i due della Ferrari. Sebastian Vettel ha parlato di “necessità di migliorare la sicurezza”, mentre per Kimi Raikkonen sarà “un grande passo avanti”.

Chiara Rainis