Angel Nieto in terapia intensiva: grave il trauma cranico

Angel Nieto (Getty Images)

Erano le 10,30 di ieri mattina quando Angel Nieto è stato tamponato da un’auto con a bordo una donna. Non si sarebbe accorta per tempo che il 70enne campione avesse frenato all’incrocio della Ladrillera, sull’isola di Ibiza, mentre percorreva la carrera Santa Eularia. Sottoposto ad alcol e droga test è risultata negativa.

L’ex pilota, ora ricoverato alla Policlinica Nuestra Señora del Rosario di Ibiza, ha riportato un grave trauma cranico. E’ in coma indotto con respirazione assistita, è stato sottoposto ad un drenaggio per ridurre il coagulo di sangue alla testa, ma finora non è stato necessario l’intervento chirurgico. Si attendono gli sviluppi delle prossime ore per saperne di più, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Angel Nieto è residente a Ibiza già da diversi anni e vi trascorre l’estate con la famiglia. Qui ha consolidato l’amicizia con Valentino Rossi, tanto che so figlio Pablo è diventato un uomo di fiducia del Dottore, divenendo team principal dello Sky Team VR46. Ha corso dal 1964 al 1986, a 39 anni, nelle classi minori. A chi gli chiede quanti titoli ha vinto ha sempre risposto scaramanticamente 12+1. Sei titoli nella classe 50, sette nella 125, per un totale di 90 GP vinti. Una carriera leggendaria che lo ha proiettato nel prestigioso elenco della Hall of Fame.

Attualmente è anche conosciuto come uno dei rappresentanti più in vista dell’Associazione che lotta contro la cava Ses Planes, un gruppo in lotta d anni contro l’attività di una cava considerata un mostro ambientale, un problema che ha raggiunto anche i tribunali. Nelle ultime ore sui social si moltiplicano i messaggi di incoraggiamento verso Angel Nieto. Marc Marquez ha cinguettato: “Forza maestro, vinci anche questa gara”. Jorge Lorenzo ha scritto: “Tutto il mio animo è con te. Continua a lottare e sono certo che uscirai da questa situazione e ci rivedremo”.