Minardi sulla conferma dei piloti Haas: “La Ferrari ha fallito”

Antonio Giovinazzi (©Getty Images)

Pur non avendolo ancora ufficializzato, in un’intervista rilasciata qualche giorno fa al sito formula1.com Gene Haas, patron dell’omonima scuderia legata alla Ferrari da un’importante partnership tecnica, ha rivelato che avrebbe optato per la conferma per il 2018 l’attuale coppia di piloti Romain Grosjean, assoldato sin dall’esordio in F1, e Kevin Magnussen, il danese senza infamia e senza lode subentrato all’aspro Esteban Gutierrez, ex riserva di Maranello, più volte entrato in rotta di collisione con la dirigenza americana nel 2016.

Una notizia non particolarmente sconvolgente o rilevante considerato che si tratta di un team di secondo piano, non fosse che a farne le spese sarebbe l’italiano Antonio Giovinazzi. L’unica bandiera Tricolore rimasta nei paraggi della massima serie, a cui, così facendo potrebbero essere state tarpate definitivamente le ali.

Amareggiato per questa voce che potrebbe presto essere sigillata a realtà anche Giancarlo Minardi, il fondatore di una delle squadre più importanti del Circus per quanto riguarda lo svezzamento dei giovani talenti. “Se davvero conserveranno la line-up di quest’anno sarà un’occasione persa per il Cavallino”. Si è sfogato sulla sua pagina. “Resto ottimista e voglio pensare che sia un’azione volta solamente a mantenere la serenità all’interno di un gruppo che sta facendo molto bene e che ha l’obiettivo di conquistare altrettanti punti (ndr. per ora sono 29)anche nella seconda metà di stagione”.

“Diversamente sarebbe una sconfitta per l’intero sistema dell’Academy rivolto agli esordienti e per l’automobilismo Italiano. Sono dispiaciuto, avvilito e deluso”. Ha proseguito nel suo appunto Minardi. “Concretizzandosi questo scenario sarebbe evidente che i driver nelle file della Ferrari non godono di alcuna tutela. In pratica significherebbe che la Rossa non possiede più un potere decisionale nei confronti dei suoi clienti e sinceramente mi rifiuto di pensare che sia veramente così”.

A tirare su il morale degli italiani ci proverà comunque Luca Ghiotto, che la prossima settimana sarà protagonista del test di Budapest con la Williams.

Chiara Rainis