Red Bull, la sua ala nasconde un segreto

Red Bull (©Getty Images)

Superata l’attenzione attorno al fondo della Ferrari e al presunto riutilizzo dell’olio bruciato per migliorare le performance della SF70-H, l’occhio di lince dei tecnici del Circus si è spostato sulla Red Bull. La scuderia austriaca, apparsa al di sotto delle attese nelle primissime gare del 2017 a causa della conversione al basso drag scelto per compensare il deficit del motore Renault in confronto al Ferrari e al Mercedes, una volta compreso l’errore ha cercato una pronta soluzione e così dal cilindro del genio Adrian Newey è uscito il downforce perduto grazie ad una particolare ala anteriore. L’oggetto ora guardato e desiderato dai rivali.

Secondo quanto si può notare dalle immagini diffuse da Motorsport.com il trucco starebbe tutto attorno ad un nuovo elemento che ha fatto il suo debutto in occasione del GP d’Inghilterra, dato che a Silverstone si toccano velocità molto importanti. Si tratta di un profiletto piccolo e incurvato inserito al centro delle pareti laterali e capace di flettersi nei momenti di maggior spunto. Ma non solo. Sull’ala anteriore della RB13 sono apparsi un gran numero di flap. Ben sei interni e tre esterni.

Malgrado la FIA grazie alle opportune verifiche abbia constatato la rigidità delle parti e quindi la completa regolarità, un interessante escamotage sarebbe stato utilizzato dagli “enegetici” del gruppo per evitare punizioni federale. Un punto di ancoraggio capace di tenere in posizione l’intera ala, ma che permette alla zona laterale di muoversi verso il basso quando la monoposto è in moto.

Questo sistema innovativo della Red Bull che, a quanto pare, in maniera progressiva dovrebbe garantire maggior carico aerodinamico, ha già solleticato il palato delle altre squadre che potrebbero imitarlo e adottarlo a partire dall’Ungheria nonostante sia una delle piste più lente del campionato. Resta poi da vedere se la Federazione lascerà correre il particolare dell’oscillazione, oppure lo dichiarerà non conforme con il regolamento.