Sebastian Vettel e la sua Pirelli distrutta (Getty Images)

Il Gran Premio di Silverstone si era chiuso con un enorme interrogativo: Cosa è accaduto ai pneumatici montati sulle Ferrari? Le due Rosse, infatti, a poche tornate dal termine sono state entrambe costrette a ritornare ai box per danni alle proprie gomme. Lieve il problema di Raikkonen, che ha perso solo 1 posizione in favore di Bottas, più grave, invece, la situazione di Vettel giunto in pitlane con una gomma esplosa e costretto a perdere ben 3 posizioni.

Tante le ipotesi paventate sui problemi occorsi sui due pneumatici. Pirelli ha subito ritirato le gomme per fare tutte le analisi del caso. Sebastian Vettel a causa di questo problema ha visto dilapidato tutto il vantaggio accumulato in queste gare su Lewis Hamilton.

In attesa del problema di Raikkonen

Ora però Pirelli ha finalmente fatto luce su quanto accaduto al tedesco con un comunicato stampa che recita: “Come era già apparso chiaramente sin da domenica pomeriggio, il problema occorso sull’anteriore sinistra di Sebastian Vettel a due giri dalla fine  è stato causato da una foratura lenta. Dopo l’attenta indagine di questi giorni possiamo confermare il tutto. Naturalmente nel giro di rientro ai box la gomma essendo sgonfia si è distrutta definitivamente”.

Pirelli però non spiega ancora le cause del problema occorso a Kimi Raikkonen: “Il pneumatico danneggiato di Kimi Raikkonen mostra meno danni, quindi è ancora nei nostri laboratori per essere sottoposto a tutte le analisi del caso. Ci vorranno ancora pochi giorni prima che Pirelli giunga ad una conclusione certa sull’accaduto”.

La rivelazione di Pirelli è davvero sconvolgente. La foratura di Vettel quindi era già in atto da qualche giro probabilmente, quindi il netto calo di prestazioni del tedesco potrebbe essere legato proprio a tutto ciò. Insomma per ora, per la Ferrari, sembra essere stato solo un weekend sfortunato, niente problemi strani quindi. Da capire solo cosa sia successo, invece, a Raikkonen.

Antonio Russo