Tutti contro Vettel: attacchi dalla stampa

Sebastian Vettel (Getty Images)

L’annata di Sebastian Vettel era partita decisamente col botto. Subito una vittoria alla prima gara e una Ferrari che dava chiari segnali positivi. Poi sono arrivate le conferme con il successo in Bahrein e la pole in Russia sino ad arrivare all’apoteosi monegasca. Sul tracciato cittadino del principato è arrivata una doppietta tutta rossa, ma soprattutto una dimostrazione di forza da parte di Maranello che non si vedeva dall’Era Schumacher.

Tutto perfetto quindi, dal Canada in poi però per Sebastian Vettel sono cominciati i problemi. Il tedesco, infatti, non è riuscito più ad avere la Ferrari competitiva delle prime gare e poi ci sono stati i fatti di Baku. Il rallentamento di Hamilton, il tamponamento di Vettel e la ruotata di quest’ultimo al britannico con tutto il putiferio che ne è scaturito nei giorni seguenti.

Un periodo nero per Vettel

Il pilota della Ferrari si è dovuto presentare davanti alla FIA per chiedere scusa per l’accaduto a tutti. I fatti di Baku però hanno denotato un nervosismo in Sebastian Vettel che di solito non ci si aspetta da un 4 volte campione del mondo.

Sebastian Vettel, inoltre, dopo la foratura patita a Silverstone negli ultimi giri non è per niente in un buon momento. Ora però sembrerebbe che dopo le accuse della FIA anche la stampa sarebbe sul piede di guerra nei suoi confronti. Come riportato da “motorsport-total.com”, infatti, alla fine del Gran Premio di Gran Bretagna, Sebastian Vettel dopo aver rilasciato le interviste alla stampa tedesca è subito ritornato al motorhome snobbando tutti gli altri giornalisti.

La cosa naturalmente non è piaciuta per niente a Liberty Media, che vuole cercare di aprire quanto è più possibile il mondo della Formula 1 ai nuovi media. Non ci è dato sapere se vi saranno delle sanzioni per Vettel. Naturalmente nulla a che fare con la pista sia chiaro, ma Liberty Media potrebbe comminare un’ammenda nei confronti del tedesco. Rabbia da parte della stampa che si è vista privata delle parole di uno dei protagonisti del mondiale.

Antonio Russo