Mercedes richiama 3 milioni di auto diesel

Logo Mercedes (Getty Images)

Il gruppo Daimler AG richiama oltre 3 milioni di veicoli diesel in Europa “al fine di migliorare efficacemente il livello di emissioni di più modelli”. Una mossa intrapresa per rassicurare i clienti sulle recenti polemiche riguardanti le emissioni dei motori a gasolio.

Il maxi richiamo costerà 200 milioni di euro, ma non ci saranno costi per i clienti. La procura di Stoccarda ha in corso un’indagine in ambito Dieselgate sul costruttore tedesco, sospettato di aver venduto auto con emissioni manipolate. Ma stavolta Daimler ha voluto giocare d’anticipo.

“Il dibattito pubblico sui motori a gasolio sta creando incertezze – ha spiegato l’amministratore delegato Dieter Zetsche – e abbiamo quindi deciso misure supplementari per rassicurare i proprietari di automobili diesel e per rafforzare la fiducia nella tecnologia delle auto a gasaolio. Siamo convinti che i motori diesel continueranno ad essere un elemento fisso del mix di sistemi di azionamento, anche a causa delle basse emissioni di CO2”.

Infatti da qui a breve Daimler lancerà una nuova gamma di motori diesel completamente nuovi. “Da marzo – spiegano alla Mercedes-Benz – abbiamo offerto ai nostri clienti di vetture compatte un miglioramento delle emissioni di NOx per alcuni motori che nel frattempo erano stati aggiornati. Circa il 45 per cento di quelle vetture sono state intanto già modificate… E con un investimento di circa 3 miliardi di euro, abbiamo sviluppato una nuova generazione di motori le cui emissioni da record sono state confermate da misurazioni effettuate da istituti indipendenti”.