Jacques Villeneuve bandito dal motorhome Williams

Jacques Villeneuve (©Getty Images)

Se spesso la sua lingua biforcuta è stata scintilla di interessanti discussioni da bar sport, questa volta a Jacques Villeneuve è costata molto. Autore di critiche piuttosto aspre ad indirizzo di Lance Stroll, sin da quando il giovane ancora militava in Formula 4, per una carriera portata avanti grazie ai dollari di papà Lawrance, il figlio del grande Gilles non ha mollato la presa neppure al momento del suo debutto in F1 definendolo il peggior rookie della storia alla luce dei tanti incidenti accumulati dall’Australia ad oggi.

Un atteggiamento estremamente negativo che ha portato la vice boss Claire Williams a prendere una decisione estrema. Quella di bandire l’iridato 1997 dal motorhome di Grove. “Jacques è stato sempre abbastanza esplicito nei suoi confronti con i media. Anche se non voglio entrare troppo nei dettagli della vicende, Lance invece preferisce lasciar correre e far parlare le sue performance in pista”.

“Ed è quello che anche noi, come team, dovremmo fare perché solo così i detrattori smetteranno di avanzare dubbi. Da parte nostra crediamo fortemente che si  meriti il sedile nella massima serie, avendo già dimostrato di avere un carattere forte e personalità pure nei momenti di pressione”. Ha proseguito nella difesa. “Finora gli è stato chiesto di più di quanto viene normalmente preteso dagli esordienti e lui dal canto suo è rimasto concentrato progredendo in maniera costante. Dopo le prime sei gare ha subito parecchi attacchi a cui io ho risposto ricordando gli inizi di Vettel, Ricciardo e Raikkonen. Sinceramente non ci aspettavamo di vederlo sul podio quest’anno, ma avendo centrato questo target, possiamo dire di avere nel gruppo una futura superstar”. Ha concluso la dirigente 40enne.

Appena 18enne Lance Stroll è riuscito a guadagnare un’ottima terza piazza in occasione del GP dell’Azerbaijan dopo una solida prestazione che però ha solo parzialmente spazzato via i dubbi dei tanti scettici.

Chiara Rainis