McLaren in crisi fa comodo, ma Renault potrebbe arrivare in aiuto

0
62
McLaren (Getty Images)

In casa McLaren l’argomento del giorno continua ad essere il motore. La power unit Honda, infatti, non soddisfa gli inglesi che troppo spesso sono ritrovati appiedati da un motore, che sembra capace di poter fare solo pochi chilometri prima di rompersi. Il polverone è stato alzato soprattutto da Fernando Alonso, che frustrato dalla situazione ha chiaramente minacciato McLaren di mollare tutto a fine stagione nel caso le cose dovessero restare invariate.

Come riportato da “Sky Sport” Zack Brown ha parlato della situazione McLaren: “Siamo una grande squadra che sa vincere gare e campionati, quindi è normale che avere una McLaren così in difficoltà fa comodo agli altri team. Stiamo già lavorando alla vettura del prossimo anno e per fine estate dovranno già essere pronte tante cose”.

Renault, già in passato è stata da mondiale in Red Bull

Brown ha poi affermato che McLaren dovrà cambiare alcune cose, perché così come Alonso, anche tutto il team inglese nel futuro vuole vincere. Queste dichiarazioni di Brown vanno un po’ in controtendenza con le voci che giravano nell’ultimo periodo di un possibile accordo con Ferrari o Mercedes per la fornitura dei motori. Insomma, se stiamo a queste dichiarazioni sia da Maranello, che da Stoccarda non sarebbero certo felici di aiutare il team inglese a risalire la china seppur con i loro motori.

Come riportato da “AS”, la McLaren avrebbe avviato alcuni colloqui con la Renault per la fornitura dei motori 2018. La casa francese in passato ha già spinto altre vetture come ad esempio le Red Bull portate al titolo da Sebastian Vettel. La soluzione sarebbe gradita a tutti, ma bisogna capire alcune cose riguardanti il contratto in essere con Honda.

La casa giapponese, infatti, dopo questo fallimentare ritorno in Formula 1 è ancora a lavoro per migliorare il proprio motore e vorrebbe un altro anno di tempo per dimostrare il proprio valore. Una cosa è certa, la situazione in casa McLaren è insostenibile al momento e serve una sterzata urgente.

Antonio Russo