Vettel: “L’episodio con Verstappen? Ci ho solo provato”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

In una gara per la gran parte dei 51 giri noiosa, il pepe lo hanno messo loro sul finale. Seconda e terza fino ad un paio di giri dalla bandiera a scacchi, le Ferrari hanno rischiato di buttare via tutto. Motivo? Il cedimento su entrambe le auto dell’anteriore sinistra che le ha costrette ad un pit stop extra, mentre Lewis Hamilton già assaporava il gusto della vittoria.

“Non so cosa sia successo, ma non credo fosse dovuto ai detriti in pista”. Ha raccontato Sebastian Vettel, il più penalizzato dei due visto che ha tagliato il traguardo soltanto 7°. “E’ stata una gara difficile sin dall’avvio. Infatti i freni hanno preso fuoco in griglia, gli pneumatici si surriscaldati e al rilascio della frizione hanno pattinato. In seguito mi sono trovato alle spalle di Verstappen. Sinceramente aveva un passo piuttosto rapido e il gap era ampio, per cui abbiamo cercato il sorpasso anticipando la sosta”. Quindi sull’atteggiamento dell’olandese della Red Bull che ha difeso la posizione in maniera aggressiva nel duello prima del pit stop, il tedesco ha riflettuto: “Ha tentato di difendersi ed essendo un campione lo ha fatto con decisione. Dal canto mio ho intravisto una possibilità e mi sono buttato dentro”.

“Detto ciò, in generale abbiamo raccolto meno di quanto sperato, però non c’è motivo di andare nel panico. La macchina ha fatto progressi e qui avevamo qualche probabilità di successo considerato che l’auto risponde molto bene nei curvoni. E’ evidente che la Mercedes è stata più efficiente”. Ha concluso il pilota di Heppenheim.

A fronte del primo posto di Ham e di questo brivido che ha rovinato un risultato da podio Sebastian Vettel, pur restando al vertice della classifica generale ha ora soltanto una lunghezza di margine sul driver delle Frecce d’Argento che con questo dominio casalingo, inebriante anche per il morale, di certo farà di tutto per passare avanti in occasione del prossimo round a Budapest.

Chiara Rainis