Valentino Rossi: “Marquez leader perché ha limitato i danni”

Valentino Rossi e Marc Marquez (©Getty Images)

Valentino Rossi al giro di boa del campionato MotoGP 2017 è ancora in corsa per il titolo. Rispetto a un anno fa lo scenario è decisamente migliorato per lui. E’ quarto in classifica, a soli 10 punti da Marc Marquez.

Sicuramente ha qualche rimpianto per la caduta di Le Mans, che gli ha portato via almeno 20 punti, però ciascuno dei rivali ha avuto degli zeri e dunque il discorso vale un po’ per tutti. Certamente il Dottore pensa pure al 10° posto di Jerez e all’8° di Montmelò, dove ha faticato. Molti punti persi per strada, però è lì davanti a giocarsela a 38 anni.

Valentino Rossi sul campionato MotoGP 2017

Valentino Rossi, ripreso da Motorsport.com, ha spiegato come mai Marc Marquez sia in vetta al Mondiale in questo momento: “Marquez è in testa al campionato perché nei momenti più difficili ha perso meno punti, mentre altri ne hanno persi di più. Comunque è stato un pilota forte, ha vinto quando ne aveva bisogno e quando non poteva o c’erano problemi ha limitato i danni molto bene. Per questo è il leader”.

Il pilota Yamaha riconosce che lo spagnolo è stato bravo, sia nel vincere alcune gare che nel trarre massimo profitto dalle situazioni complicate. Sicuramente ha influito anche la moto, visto che la Honda non ha avuto le crisi della Yamaha. Il peggior piazzamento del campione del mondo in carica è il 6° posto del Mugello. In Italia le moto di Tokio hanno un po’ faticato, per il resto se la sono cavata ovunque.

Con il nuovo telaio Rossi ha potuto limitare i danni nell’ultima gara del Sachsenring, giungendo quinto. Grosse difficoltà per lui sul tracciato tedesco. Però alla fine ha potuto cogliere un risultato discreto. Cosa che non ha potuto fare a Jerez e Montmelò. Per sua stessa ammissione, col vecchio telaio in Germania sarebbe stata un’altra ecatombe simile a quella vista in Spagna.

Il Motomondiale ora è in vacanza, si torna in pista ad agosto per le gare ravvicinate di Brno e Spielberg. Valentino vede un campionato MotoGP molto equilibrato e il cui esito è difficile da prevedere: “Credo che tutti coloro che stanno lottando per il campionato attualmente siano allo stesso livello. Non v’è alcun favorito. Io non escludo Pedrosa, che non è lontano. Nessuno può prevedere cosa accadrà nelle prossime gare. Adesso è importante andare a Brno ed essere competitivi”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)