Nico Rosberg difende Hamilton: “Non ha rallentato Vettel”

Nico Rosberg e Lewis Hamilton (Getty Images)

Nico Rosberg dopo il titolo mondiale conquistato a mani basse nella scorsa stagione ha deciso di abbandonare il circus per abbracciare la pensione anticipata. L’ex Mercedes dopo un anno tiratissimo, passato a distruggere psicologicamente Lewis Hamilton ha deciso di mollare tutto e dedicarsi alla sua famiglia e ai suoi tanti hobby.

Come riportato da “Il Corriere della Sera”, Nico Rosberg si è soffermato sul caso di Baku: “Conosco perfettamente Lewis e vi dico che non ha rallentato volontariamente Vettel. Sebastian non si è controllato e ha avuto una reazione che francamente non mi aspettavo e che ha procurato un danno a sé stesso. Poi quanto accaduto dopo ha solo caricato la vicenda”.

La Formula 1 non gli manca

Quando gli si chiede, invece, di un possibile ritorno in Formula 1, magari in Ferrari, Nico Rosberg è categorico e afferma che è contento della sua carriera e non ci pensa per niente a ritornare in pista. Poi sulla sua vita lontano dalla F1 ha affermato: “Sto bene, vedo i GP in TV, quello di Baku è stato emozionante. Viaggio molto e conosco persone, recentemente sono stato relatore ad un evento di Google”.

In linea generale Nico Rosberg si è detto molto soddisfatto del tempo passato con la famiglia e molto motivato a costruirsi una “seconda carriera”. Sul mondiale, invece, poi afferma: “Mi piacerebbe che il mondiale lo vincesse la mia vecchia famiglia. Non mi sbilancio però su Hamilton e Bottas, nessuna preferenza”.

Nico Rosberg in ogni caso si è detto deciso a non ritornare in Formula 1, anche se poi ha affermato che probabilmente un giorno, quando farà vedere ai nipotini le foto del suo passato in F1 gli verranno le lacrime agli occhi. In ogni caso l’ex Mercedes è soddisfatto di aver concluso la sua carriera con il titolo mondiale.

Antonio Russo