Paolo Villaggio, l’auto di Fantozzi ha fatto la storia

Fantozzi (YouTube)

Paolo Villaggio si è spento lasciando un vuoto incolmabile nel cinema italiano. Tra le sue “maschere” più famose resta quella del ragionier Fantozzi, lo sfortunato impiegato, perseguitato da una vita che gli sta stretta, ma da cui non riesce mai a liberarsene. Il suo personaggio più famoso ha contribuito a restituire al mondo una sorta di fotografia “esagerata” dell’Italia dell’epoca.

Grande protagonista delle pellicole di Fantozzi la sua auto. La Bianchina, una vettura sempre presente all’interno dei film in cui Villaggio interpretava il rinomato ragioniere e sempre nella sua versione berlina. L’auto, la cui produzione è cominciata nel 1957 ed è terminata nel 1969 ha visto la luce con più di 300mila esemplari.

La versione lussuosa della 500

Concepita come versione lussuosa della Fiat 500, la Bianchina è stata adottata per tutta la durata della serie dei film di Fantozzi, che vanno dal primo del 1975 all’ultimo del 1999. Se da un lato le pellicole del ragioniere hanno contribuito a rendere questa vettura immortale, dall’altro ne hanno restituito un’immagine decisamente ridicola.

Sono davvero tante le versioni della Bianchina, ma quella utilizzata nei film è la Berlina 4 posti. Ultima versione ad essere introdotta nel 1962 ebbe un notevole successo e restò in produzione sino al 1969. La Bianchina negli anni divenne l’auto di Fantozzi, alla stregua della Mini per Mr. Bean.

La Bianchina all’inizio doveva essere prodotta solo nella sua versione “Trasformabile”. Le vendite furono addirittura superiori a quelle della 500, nonostante il divario di prezzo. La Bianchina all’epoca costava 565mila lire, il 15% in più rispetto alla cugina più popolare. Il grande afflusso di acquirenti fu anche agevolato dalla SAVA che permise una rateizzazione a 30 mesi.

La Bianchina utilizzata nei film di Fantozzi poteva essere comprata nella versione base da 18 CV oppure in quella Special da 21 CV. La vettura dal ’69 fu poi sostituita dalla Giardiniera.

Antonio Russo