GP Austria, la bandiera a scacchi sarà sventolata da un fan

GP Austria 2015 (©Getty Images)

Con l’arrivo della Liberty Media ai vertici della F1 le innovazioni continuano a susseguirsi ogni weekend di gara, così dopo le interviste ai piloti direttamente dal rettilineo di partenza al termine delle qualifiche e un giro in monoposto premio per i tifosi più abbienti, in occasione del GP Austria il collegio americano farà molto di più concedendo la possibilità a pochi fortunati di saggiare l’emozione della Safety Car, ma soprattutto di sventolare la bandiera a scacchi.

Uno speciale sorteggio selezionerà 3 persone dotate di biglietto per accompagnare Bernd Maylander sulla mitica e ambita vettura di sicurezza in tutti i giorni del fine settimana d’azione, mentre una competition decreterà il nome del protagonista domenicale. Tra le novità per avvicinare il pubblico al distante Circus spettacoli, concerti e un tappeto rosso dedicato all’incontro con i propri beniamini, senza dimenticare la chance di calcare la pit lane il giovedì. Ma non solo. Gli organizzatori del round di Spielberg, dietro a cui c’è ovviamente la Red Bull, si metteranno alla ricerca di 22 volontari che vestiranno i panni delle mascot dei piloti prima della classica parata pre-corsa. Inoltre tutti i ragazzini con età inferiore ai 14 anni potranno entrare in circuito gratuitamente a patto di essere affiancati da un adulto pagante.

Per quanto riguarda lo show di contorno l’edizione 2017 del GP Austria vedrà sfilare 9 prototipi di Le Mans, tra cui la BMW V12 LMR vincitrice nel 1999 e la moderna Audi R18 V6. Tra gli ex di lusso a rimettersi in azione anche Jean Alesi, fresco ambasciatore del GP di Francia, su Ferrari 512S del 1969, Gerhard Berger, Mark Webber e il talent scout del team energetico Helmut Marko, che porterà da ammirare la Porsche del 1971 con cui vinse la 24 Ore della Sarthe, mentre si metterà alla guida della Porsche 917K del 1970. Infine Hans-Joachim Stuck guiderà la Porsche 962c del 1987