Andrea Iannone senza pace: pioggia di critiche sui social

Andrea Iannone (©Getty Images)

Non c’è pace per Andrea Iannone che rimedia il terzo ritiro stagionale in otto gare. Il feeling tra il pilota di Vasto e la Suzuki ritarda ancora a venire e l’ultimo posto di Alex Rins al Sachsenring lascia molti dubbi sulla competitività della GSX-RR.

A deludere le aspettative al primo giro di boa è però Andrea Iannone, su cui Davide Brivio & Co. avevano riposto ogni speranza dopo l’addio di Maverick Vinales. Nonostante tutto il team manager italiano cerca di guardare i lati positivi della situazione. “Nonostante l’incidente di Andrea, penso che questo week-end sia stato più positivo di quello che suggerisce il risultato finale. Era in grado di spingere la moto e di muoversi con lo stesso tempo dei piloti che erano molto più avanti di lui. Per mantenere questo livello di prestazioni ha dovuto spingere fino al limite e per questo si è schiantato”.

Alla vigilia del GP di Germania Andrea Iannone si è dovuto sorbire gli strali infuocati di Kevin Schwantz. L’analisi della gara resta ottimistica, almeno nelle dichiarazioni “di stato”. “Sono molto contento di questa gara, naturalmente non per il risultato, ma per il progresso che abbiamo fatto. Abbiamo preso un importante passo avanti durante il fine settimana. Ho ripreso la mia fiducia. Ho una sensazione migliore per la moto e infine posso spingerlo più o meno come voglio”.

Ma sui social i commenti dei tifosi non lasciano spazio a giustificazioni. “Hai poco da fare il sarcastico, hai rotto più Suzuki tu in mezza stagione che tutti i piloti che ci hanno corso nella storia”. E ancora: “Secondo me hai talento ma non la testa. Continui a fare il cazzone quando dovresti essere un po’ più umile e tacere. La pressione e le aspettative sono alte, ma devi usare di più la testa e aiutare il tuo team”. Un altro: “Visto come ti vanno le gare in moto, meglio passare alle quattro ruote. Almeno li non cadi”. La minoranza è con lui, la maggioranza contro.