Valentino Rossi: “Ducati grande moto, difficile da battere”

Valentino Rossi al Sachsenring (©Getty Images)

Dopo il bel sogno di Assen il risveglio al Sachsenring è amaro per Valentino Rossi. Nella prima giornata di prove libere è fuori dalla top-10, la moto con il nuovo telaio si ferma ed è costretto a proseguire con il vecchio telaio 2017. Poi arriva la pioggia a rallentare il cronometro e tutto si fa in salita.

“Ero in difficoltà in entrambe le condizioni – ha ammesso il Dottore -. Penso che la mia situazione è peggiore sul bagnato. In condizioni di asciutto non ero così male. Purtroppo ho avuto un problema tecnico con la moto con il nuovo telaio, ma ho continuato con l’altra. Il ritmo era abbastanza buono fino agli ultimi dieci minuti, quando abbiamo cercato il time attack non ho avuto alcun feeling con la gomma anteriore. E’ stato frustrante perché volevo stare nella top ten di andare in Q2”.

Non solo problemi con l’anteriore, ma anche di bilanciamento. Ma nulla è dato sapere sui problemi alla Yamaha M1 con il telaio di ultimissima evoluzione che ha dato buone sensazioni ad Assen. “Abbiamo avuto un piccolo problema tecnico che non posso dire, ma la moto si è dovuta fermare per salvare il motore”. Per le qualifiche si dovrà lavorare sul T3, “una parte della pista dove mi trovo molto lento e non mi sento comodo nè in grado di spingere”.

A rendere la situazione ancor più complessa è la ritrovata competitività della Ducati nelle vesti di Andrea Dovizioso. Nella lotta al fronte non ci saranno più soltanto le Honda di Marquez e Pedrosa. “La Ducati quest’anno ha fatto una gran moto, perché sono sempre lì, e riescono a essere costantemente davanti su tutte le piste, sia sull’asciutto che sul bagnato – ha ammesso Valentino Rossi -. Sarà difficile batterle”.