Maurizio Arrivabene: “Nel dubbio ha torto la Ferrari”

Maurizio Arrivabene (Getty Images)

In Formula 1 si è alzato un vero e proprio polverone intorno a Sebastian Vettel. Il pilota della Ferrari nella giornata di ieri è stato protagonista di un fatto davvero spiacevole con Lewis Hamilton. Il britannico, infatti, in regime di safety-car ha rallentato vistosamente costringendo il tedesco a tamponarlo. A quel punto l’ex Red Bull, inviperito dal gesto del pilota Mercedes lo ha affiancato e gli ha dato una ruotata coprendolo di ingiurie.

Tanti i giudizi contro Sebastian Vettel, Martin Brundle ad esempio ha dichiarato: “Questo è qualcosa di molto insolito. Vettel era arrabbiato e Hamilton stava semplicemente guidando nel suo abitacolo. In pista non ci si comporta così, la manovra è stata molto pericolosa”.

Tutti contro la Ferrari

Più duro Damon Hill, che sempre in merito a Sebastian Vettel ha affermato: “Una brutta manovra. Un 4 volte campione del mondo dovrebbe mantenere di più il controllo. Sinora Hamilton aveva sempre parlato che il duello con Vettel era favoloso visto il grande rispetto reciproco, ma credo che da oggi non sarà più così”.

L’ex pilota Johnny Herbert, invece, ha commentato: “Ora c’è un po’ di pepe nel duello per il mondiale tra Vettel e Hamilton. Io non mi meraviglio affatto, era solo questioni di tempo prima che qualcosa del genere sarebbe accaduto”.

Come riportato da “Speedweek.com”, decisamente polemico sull’accaduto Maurizio Arrivabene: “Tutto quello che è successo oggi è sotto gli occhi di tutti. Abbiamo cominciato con l’incidente a Kimi, poi è successa quella cosa a Sebastian durante la safety-car. Noi non vogliamo essere coinvolti in una disputa, ma posso tranquillamente dire che ci sono alcune decisioni un po’ poco chiare, che di certo non hanno giocato a nostro favore. Lasciamo che le azioni parlano”.

Il team principal Ferrari ha poi continuato ai microfoni di “Sky Sport”: “Siamo in Formula 1, non al Colosseo. In ogni caso, Vettel ha chiuso davanti ad Hamilton e questo è buono per il mondiale. Noi non vogliamo recriminare, non è nel nostro stile. Ci riproveremo in Austria, siamo determinati, lavoriamo molto e parliamo poco. Nel dubbio si dà sempre torto alla Ferrari. Questa è una squadra che non molla mai e lo si è visto sul lavoro fatto sulla vettura di Raikkonen”.

Antonio Russo