MotoGP Assen, Valentino Rossi: “Dovevo vincere, ho meritato”

Valentino Rossi Danilo Petrucci
Valentino Rossi e Danilo Petrucci (©Getty Images)

Valentino Rossi trionfa ad Assen dopo oltre un anno dall’ultimo successo, a Montmelò. Il Dottore conquista la decima vittoria nel Gran Premio d’Olanda e si rilancia nel campionato MotoGP 2017.

Il numero 46 della Yamaha ha solo 7 punti da Andrea Dovizioso, leader del Mondiale seguito da Maverick Vinales a 4 lunghezze. I giochi sono riapertissimi in ottica titolo, anche perché lo spagnolo oggi è caduto. Il campionato di quest’anno è veramente bellissimo e il 38enne pesarese vuole giocarsi le sue chance per puntare a vincere il decimo alloro iridato.

MotoGP Assen 2017: parla Valentino Rossi

Valentino Rossi al termine della gara di Assen ha parlato ai microfoni di Sky Sport di questo trionfo. Ecco le sue prime dichiarazioni: “Sono contento per tante cose, ma quella che mi rende più felice è essere tornato a vincere è il fatto che io lavoro e corro in moto per quello che si prova quelle due o tre ore dopo la gara. Dopo un anno è ancora più bello, decima vittoria ad Assen ed è importante per il campionato. Adesso siamo tutti ancora più vicini”.

Al Dottore viene chiesto cosa ha pensato nel finale, quando piovigginava e non era facile prendersi certi rischi: “Nel momento in cui ero davanti e stavo andando un po’ via ha cominciato a piovere e mi hanno ripreso. Poi Petrucci in quelle situazioni è sempre molto forte. E’ andato davanti, ma ho visto che anche lui doveva stare attento. Diciamo che negli ultimi due giri ho immaginato che avesse smesso di piovere (ride, ndr). Oggi bisognava vincere”.

Il successo di Assen ha molti significati e Valentino ne indica alcuni: “Sono riuscito a vincere anche quest’anno. Penso di meritarmela per quello che ho fatto nelle altre gare, per la vittoria sfumata di Le Mans. Anche nel 2017 una l’abbiamo vinta. Poi c’è il campionato, sono terzo a -7 da Dovizioso. E’ bello. Il problema è che da una domenica all’altra cambia tutto. Quindi vediamo al Sachsenring”.

A Rossi viene domandato se poteva vincere con margine senza pioggia e anche dei miglioramenti col nuovo telaio: “Secondo me senza pioggia riuscivo ad andare via, appena ho detto che è quasi fatta ha iniziato a piovere. Potevo arrivare con 1.6 o 1.8 secondi di vantaggio. Nuovo telaio? Anche al Sachsenring ne avremo solo uno. Bisognerà un po’ gestirlo bene. Vedremo. Comunque sono contento, perché siamo riusciti a capire cosa non mi andava bene della M1 2017. La Yamaha ci ha supportati come solito. Con questo telaio guido come so fare io, mi diverto e faccio meno fatica”.

Infine per il nove volte campione del mondo ha fatto un commento su Johann Zarco, che ha rischiato di stenderlo dopo essere stato passato: “Oggi ho capito che non è cattivo. Proprio non è capace… Non capisce la distanza con le altre moto. Non so dove voleva andare. Gli manderò la fattura per la tuta nuova, visto che doveva durare almeno fino all’Austria e se non si pulisce me la paga lui (ride, ndr)”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)