Valentino Rossi, clamorosa gaffe di Malagò sul Dottore

Valentino Rossi e Giovanni Malagò (Getty Images)

Valentino Rossi è nato a Urbino il 16 febbraio 1979. Urbino, come molti sanno è una città delle Marche. La cosa però sarà sfuggita al presidente del Coni, Giovanni Malagò, protagonista di una clamorosa gaffe sul Dottore durante l’inaugurazione della piscina in via Togliatti a cui ha preso parte anche il premier Paolo Gentiloni.

Malagò nel suo discorso ha elogiato tutti i personaggi che hanno contraddistinto la città di Pesaro o almeno pensava di averlo fatto parlando della famiglia Scavolini, poi di Ario Costa, Walter Magnifico e Massimo Ambrosini. Peccato che degli ultimi tre il solo Ambrosini sia nato a Pesaro. A quel punto sono partite le prime critiche. Costa, infatti, è nativo di Cogorno (Genova), mentre Magnifico di San Severo (Foggia).

La situazione prende una brutta piega

Malagò però, come riportato da “Il Resto del Carlino” ha definitivamente compromesso la propria posizione affermando: “Valentino Rossi è un po’ marchigiano e un po’ romagnolo, non si capisce mai se è romagnolo o marchigiano”. A quel punto il caos è stato totale, con fischi all’indirizzo del presidente del Coni.

Quest’ultimo nel tentativo disperato di riparare alla gaffe allora ha proseguito: “Chiedo scusa, quindi Valentino Rossi è marchigiano, ma lui è d’accordo di questa cosa? Ha la residenza qui? E quella fiscale invece? Forse è meglio che lasciamo perdere”.

Insomma Malagò ha dimostrato delle gravi lacune geografiche. Tutti sanno che Valentino Rossi è nativo di Urbino, ma è profondamente legato a Tavullia, il piccolo comune che lo ha visto crescere e sbocciare come uno dei talenti più puri del motociclismo mondiale.

La Romagna ha prodotto tantissimi piloti e case produttrici di moto ed è indubbiamente terra di motori, ma la gaffe fatta con il Dottore sembra davvero esagerata. Valentino Rossi è marchigiano e probabilmente dopo i fischi ricevuti Malagò non se lo dimenticherà tanto facilmente.

Antonio Russo