Valtteri Bottas: “Per rimanere in Mercedes bisogna pagare”

Valtteri Bottas (Getty Inages)

Prima di partire per Baku Valtteri Bottas ha fatto una visita allo stabilimento Petronas di Villastellone, a pochi chilometri a Sud di Torino. Qui si producono i lubrificanti e la benzina delle Mercedes da Formula 1, siglando un binomio vincente che prosegue da oltre tre anni.

In questa prima parte di stagione il finlandese non sta facendo rimpiangere l’addio di Nico Rosberg, per quanto sia arduo sostituire il campione in carica del Circus. Tre podi, una vittoria e una pole nelle prime sette gare, terzo in classifica a -32 da Lewis Hamilton. E’ un buon biglietto da visita per conquistare la riconferma nel 2018. La migliore prestazione della stagione è stata la grande vittoria ottenuta in Russia.

L’ex Williams sa che Mercedes è una squadra vincente che necessita di piloti vincenti. “Ho bisogno di avere prestazioni costanti. Dobbiamo lavorare per il livello della macchina e aiutare la squadra con lo sviluppo. Dobbiamo vincere le gare e lavorare come una squadra, che è quello che la squadra ti chiede”. Per la prossima stagione sembra essere ad un passo dalla riconferma. “Mercedes è una squadra vincente, hanno un livello alto, quindi ogni pilota vorrebbe essere in Mercedes, quindi devo pagare per rimanere”, ha ammesso a ‘Autosport’.

Resta ancora lontano dalle prestazioni di Hamilton, ma non sente troppo esteso il gap dal campione inglese. “Siamo molto vicini, non vedo alcuna differenza. Io credo in me. Hamilton ha più esperienza, è stato con la squadra più a lungo e non vedo alcun motivo per cui non possa correre sempre come lui. Penso che sia possibile”. Un obiettivo ambizioso, non semplice da raggiungere. “So che posso vincere delle gare, posso essere in pole, L’ho dimostrato. Ma Haimilton non è un partner facile con cui a combattere. Per me, la lotta con lui è una grande motivazione – ha concluso Valtteri Bottas -. E’ un grande riferimento”.