Maverick Vinales, consegne a domicilio per McDonald’s (FOTO)

Maverick Vinales (Instagram)

Maverick Vinales è il nuovo che avanza. Così come qualche anno fa capitò a Lorenzo, anche per l’ex Suzuki si stanno spalancando le porte del marketing. Naturalmente le 3 vittorie in MotoGP, la testa della classifica e essere il favorito per il mondiale hanno il loro peso specifico. Lo spagnolo quindi potrebbe presto ritrovarsi a rappresentare il brand di sé stesso. Anche se il titolo ancora non è arrivato però già fioccano le prime sponsorizzazioni multi-milionarie.

Tra le tante, una in particolare sta facendo rumore in queste ore, la partnership con McDonald’s. Il fast food più famoso al mondo, infatti, sta per lanciare sul mercato McDelivery, il nuovo sistema di consegna a domicilio della catena. McDonald’s è da sempre sinonimo di velocità, proprio per questo l’azienda americana ha deciso di scommettere sull’immagine di Maverick Vinales per sponsorizzare la consegna a domicilio.

La nuova moto non va

Insomma un garzone d’eccezione per la società statunitense. Il web naturalmente si è già scatenato con qualche sfottò di sorta in relazione soprattutto all’ultima gara di Maverick Vinales al Montmelò, in cui era in grandissima difficoltà. Proprio la pista, recentemente non sembra arridere molto allo spagnolo ex Suzuki. Se a Le Mans è arrivata una vittoria e al Mugello un buonissimo secondo posto, in Spagna, nella gara di casa, si sono ripresentati i soliti problemi con la moto.

Così come era accaduto già a Jerez, infatti, la Yamaha sembra soffrire maledettamente le piste con alte temperature e basso grip. Principalmente i problemi del team di Iwata riguardano le gomme, troppo stressate e quindi logore in brevissimo tempo. A rendere la situazione più grottesca, inoltre ci sta pensando il team Yamaha clienti che ha la moto dell’anno scorso, che paradossalmente in queste piste va molto meglio della nuova M1.

Antonio Russo

SUPER fast delivery ??? . #motogp #maverickvinales #mv25 #topgunmack #CatalanGP credit neil morisson

Un post condiviso da JOKES of GP (@jokesofgp) in data: