Paddy Lowe: “Hamilton è come Senna”

Lewis Hamilton (©Getty Images)

A qualcuno potrebbe risultare come una bestemmia, ma numeri in mano la realtà è questa. Almeno per quanto riguarda le pole position segnate Lewis Hamilton è alla pari di Ayrton Senna. Il suo idolo di sempre di cui in Canada, appena dopo le qualifiche, ha ereditato un casco al 100% autentico. Un omaggio da parte dei famigliari dell’indimenticato campione brasiliano per lo straordinario risultato ottenuto.

A tenere alto il paragone, a tratti esagerato, dell’inglese con Beco, non sarebbero però soltanto le statistiche. In questi giorni si è infatti espresso in questi termini uno che Ham lo ha vissuto al box per diversi anni, ossia l’ex direttore tecnico della Mercedes Paddy Lowe, ora migrato alla Williams. “Lewis possiede la medesima tempra di Ayrton”. Ha dichiarato a F1i.com analizzando l’incredibile 1’11″459 firmato sabato pomeriggio. “Nello specifico condividono la medesima capacità che non tutti i piloti hanno, cioè la capacità di fare un giro veloce eccezionale. E l’ennesima dimostrazione è arrivata proprio al Gilles Villeneuve”.

“Malgrado tutte le simulazioni effettuate di certo il team non si sarebbe mai immaginato di vedere una W08 in grado di fermare il cronometro su un tempo del genere”. Ha proseguito nell’esaltazione delle prestazioni del driver di Stevenage. “In realtà a Stoccarda neppure pensavano di scattare dal palo viste le performance delle due Ferrari in occasione delle prove libere, ma Hamilton è spuntato fuori ed è riuscito a batterle addirittura creando un discreto scarto tra la sua auto e quella degli avversari”.

“Va riconosciuto che la Mercedes non è in grado di realizzare crono simili tutti i weekend, ma ha bisogno di una mano per farcela. In sintesi oggi, se una delle Frecce d’Argento è davanti con un margine tanto importante la domanda su come sia stato possibile sorge spontanea e Lewis è l’uomo ideale della situazione. Un po’ come in passato lo è stato Senna”. Ha infine concluso Paddy Lowe.

Chiara Rainis