Andrea Iannone chiude ad Aprilia: “2018 con Suzuki”

Andrea Iannone (©Getty Images)

Andrea Iannone sta vivendo uno dei momenti più difficili dal 2013 ad oggi, anno del suo debutto in MotoGP. Nelle prime sette gare ha collezionato due ritiri, due volte 16°, due volte 10, 7° ad Austin come miglior piazzamento. Un totale di soli 21 punti che non pregiudicheranno il suo futuro. The Maniac conferma di voler rispettare il contratto biennale con la Suzuki.

La due giorni di test in Catalunya servirà per mettere a fuoco alcuni aggiornamenti sulla GSX-RR, tra cui il nuovo telaio. “Abbiamo rianalizzato alcune parti che avevamo già utilizzato nel test di Jerez. Siamo stati in grado di confermare che ci portano un piccolo vantaggio. Negli ultimi cinque minuti abbiamo usato il nuovo telaio, ma non porta grandi cambiamenti ed è molto simile a quelli precedenti. Inoltre, il feeling con la moto non è cambiata molto, anche se ho potuto vedere miglioramenti in alcune aree”.

Anche Andrea Iannone sembra dover fare i conti con il problema gomme. Soffre alle alte temperature e in frenata, uno dei punti forti del suo stile di guida. “Ho un problema grande all’anteriore. I nostri ingegneri hanno bisogno di più tempo per implementare le informazioni su un nuovo telaio. Vogliamo prepararci soprattutto per il prossimo anno. Non abbiamo un grosso problema, ma molti piccoli nella parte anteriore”.

Ma le voci di un possibile approdo all’Aprilia sono state smentite categoricamente sia dal pilota abruzzese che dai vertici di Hamamatsu. “Ho un contratto di due anni con la Suzuki e sono intenzionato a rispettare. Rimango sicuramente qui. Può essere che la gente di Aprilia chieda di me. Ma ho accettato questa sfida qui e credo in questo progetto con la Suzuki”.