Alonso stanco della McLaren, finisce la gara sugli spalti (VIDEO)

Fernando Alonso (Twitter)

È il 22 ottobre 2006, Fernando Alonso ha appena 25 anni e quel giorno si laurea campione del mondo per la 2a volta consecutiva con la Renault. Quello è anche il giorno del primo ritiro di Michael Schumacher e per lo spagnolo la strada verso l’Olimpo della Formula 1 sembra davvero spianata. Agli occhi degli addetti ai lavori è il talento più puro che la F1 ha in quel momento in grembo e per lui si profila una carriera straordinaria.

L’anno dopo arriva il passaggio in McLaren, la difficile convivenza con l’esordiente Hamilton e la dolorosa separazione a fine anno con ritorno in Renault. Sono stagioni complicate, ma di tanto in tanto il talento di Fernando Alonso supera gli evidenti limiti tecnici della vettura. Nella sua seconda avventura con il team francese, infatti, ci sono anche due vittorie nel 2008, a Singapore e in Giappone.

Alonso, la vittoria manca da troppo tempo

I messaggi d’amore tra Fernando Alonso e la Ferrari si moltiplicano in questi anni e nel 2010 arriva il matrimonio tanto atteso. Con la Rossa arrivano 3 mondiali sfiorati e un divorzio a fine 2014, troppo brutto per essere vero. L’ultima affermazione dello spagnolo in Formula 1 è datata 12 maggio 2013. Una vita fa.

Fernando Alonso dal suo ritorno in McLaren ha registrato come miglior risultato il 5° posto. Purtroppo per lui il power unit Honda è decisamente anni luce distante da quella delle altre scuderia. Questo 2017 per lo spagnolo è stato letteralmente nero. Alonso, infatti, in questa stagione ha avuto continui problemi col motore, tanto che non terminare le gare per lui è diventata la normalità.

Questa situazione complicata lo ha spinto a provare una nuova categoria come la IndyCar, ma anche lì il destino beffardo ha fatto si che il motore Honda andasse in fumo. Fernando Alonso ha sussurrato anche l’ipotesi di lasciare la Formula 1 a fine anno. Per la categoria sarebbe una perdita enorme, lo spagnolo, infatti, pur avendo una vettura non all’altezza delle altre sta dimostrando ancora di essere un fuoriclasse assoluto.

Anche ieri in Canada era riuscito a portare la sua McLaren in zona punti, prima che questa lo lasciasse a piedi come sempre. Stavolta però Fernando Alonso si è reso protagonista di un gesto davvero molto bello. Lo spagnolo, infatti, si è incamminato sugli spalti tra i fan lanciando i propri guanti e stringendo mani un po’ a tutti.

Vedere lo spagnolo arrancare così con una vettura non alla sua altezza fa male al cuore di qualunque sportivo. In questi mesi si era anche paventata l’ipotesi di un suo ritorno in Ferrari al fianco di Vettel per la prossima stagione. Voci di corridoio per ora di certo più dolci di quelle che lo vorrebbero sugli spalti della Formula 1 per sempre dalla prossima stagione.

Antonio Russo