MotoGP, Andrea Dovizioso: “Messi bene per la gara”

Andrea Dovizioso
Andrea Dovizioso (©Getty Images)

Andrea Dovizioso scatterà dalla terza fila nel Gran Premio di Catalogna 2017 MotoGP. Settimo tempo nelle Qualifiche per il pilota Ducati, vincitore dell’ultima gara al Mugello.

Ci si aspettava il forlivese più avanti, ma evidentemente c’è stato qualche problema. E’ una pista in cui la Desmosedici solitamente soffriva un po’, anche se il test di qualche settimana fa ha aiutato il team. In particolare c’è difficoltà in termini di grip con le gomme. L’asfalto non è dei migliori al Montmelò. In compenso il suo compagno Jorge Lorenzo e il pilota clienti, ma con moto ufficiale, Danilo Petrucci si sono messi in prima fila con la Ducati GP17.

MotoGP Catalunya, Qualifiche: parla Andrea Dovizioso

Ovviamente conterà la gara, che rimane sempre molto difficile da prevedere. Può succedere di tutto. Ovviamente sarà importante partire bene, ma anche saper gestire gli pneumatici. Soprattutto nella seconda metà della corsa, con un degrado delle gomme che dovrebbe essere molto rilevante. Sarà importante la gestione per ciascun rider.

Andrea Dovizioso ai microfoni di Sky Sport si è così espresso dopo le Qualifiche: “Weekend molto particolare, perché le condizioni della pista non sono facili. Le gomme non hanno tanto grip, ci sono state molte cadute ed è molto facile arrivare al limite. Abbiamo fatto un FP4 strano, siamo stati forse gli unici a montare la gomma usata del mattino e infatti non funzionava. Nonostante ciò, il passo non era male e possiamo anche andare meglio. Abbiamo lavorato bene, abbiamo provato un setup nuovo che ha funzionato. Siamo messi abbastanza bene per la gara”.

In ottica gran premio per Dovizioso è difficile fare previsioni, considerando i fattori che vanno considerati: “Impossibile fare pronostici, anche perché c’è il calo della gomma. La settima posizione non è favolosa, ma senza un gran feeling con le gomme morbide comunque il tempo non è male. Bisogna fare una buona partenza, possiamo poi dire la nostra. Ma solo durante la gara si potrà capire chi sarà messo meglio, perché ci saranno cali importanti”.

La Ducati è tra quei team che qualche settimana fa hanno svolto un test privato a Montmelò, dunque si trova meglio rispetto a chi (Yamaha ad esempio) non c’era. Il Dovi conferma che è stato importante esserci: “E’ stato importante perché lo shock sulle condizioni della pista lo abbiamo avuto quando abbiamo fatto il test. Quindi siamo arrivati più preparati psicologicamente. A livello mentale chi non aveva girato ha fatto più fatica, non potendo neppure sfruttare il primo turno di ieri. Per il setup, invece, cambia poco”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)