Marquez e Pedrosa in Catalunya per dimenticare il Mugello

Marc Marquez (Getty Images)

Dopo l’opaca prestazione al Mugello del team Repsol Honda si ritorna subito in pista. In Catalunya Marc Marquez e Dani Pedrosa avranno il pubblico a favore e un circuito che potrebbe essere più favorevole alle loro RC213V.

I piloti Honda hanno avuto difficoltà a gestire la gomma anteriore sul tracciato italiano, ma il campione in carica è riuscito a salvare il salvabile chiudendo al sesto posto. “Sono contento di tornare all’azione così presto e farlo in Catalunya, perché correre a casa, davanti a tutti i fan, ti dà sempre una spinta in più – ha detto Marc Marquez -. In Italia abbiamo gestito la situazione meglio che potevamo, ma dobbiamo fare di meglio. Dobbiamo essere più coerenti a un buon livello”.

Non molti giorni fa il team Honda ha effettuato un test al Montmelò, provando un nuovo assetto che dovrebbe consentirgli di partire uno step avanti agli avversari. “Venerdì cercheremo di continuare a migliorare e partire da dove abbiamo lasciato. Per quanto riguarda i cambiamenti in pista, penso che sono interessanti e sarà una sfida interpretarli bene. La velocità e le curve del resto del circuito sono molto simili, mentre quel settore è molto diverso. Ma sinceramente – ha concluso Marc Marquez – è un percorso così particolare che mi piace”.

Dani Pedrosa dovrà subito archiviare la caduta del Mugello all’ultimo giro, quando ha coinvolto anche Cal Crutchlow non senza qualche strascico di polemiche. “Lavoreremo sodo per tornare al livello che eravamo prima del Mugello. Cercheremo di usare bene le informazioni raccolte durante il test che abbiamo fatto in questa pista a maggio e che è stato abbastanza positivo. Oltre a concentrarci sulla messa a punto, durante il test abbiamo avuto l’opportunità di provare la nuova chicane e le modifiche che sono state introdotte nel tracciato, che è più stretto di prima in quel settore. L’asfalto è piuttosto’ sconnessa e anche questo sarà un fattore da tenere in considerazione. Siamo pronti a dare il cento per cento per ottenere un buon risultato”.