Rubens Barrichello tenta la fortuna a Le Mans

Rubens Barrichello (©Getty Images)

Sabato 17 giugno per la prima volta parteciperà alla 24 Ore di Le Mans. Non ovviamente Fernando Alonso, bensì un altro ex pilota Ferrari. Quel Rubens Barrichello che in F1 ha lasciato il segno per le 323 presenze da record e per essere riuscito ad arrivare secondo anche con una Brawn GP senza rivali. Dopo aver chiuso i conti con il Circus nel 2011 ed essersi dedicato a più riprese alla IndyCar, alle Stock Car verde-oro e alla 24 Ore di Daytona prima di diventare commentatore tv, il brasiliano ha deciso di aggiungere un altro mattoncino alla sua carriera.

“Ho seguito questa corsa tantissime volte da spettatore”. Ha confidato al termine della prima sessione di test della scorsa domenica. “Avendo disputato il GP di Montecarlo e la 500 Miglia, mi sembrava importante per il mio percorso prendere parte alla gara della Sarthe. Le gare di durata sono nel radar di qualunque corridore, dunque per è un vero piacere poter essere al via di questa manifestazione classica e sono convinto che riuscirò a fare bene”.

Poi parlando della sua motivazione a buttarsi ancora nella mischia delle sportellate ha detto: “La cosa fondamentale per me è che faccio ciò che amo. Quando ho raggiunto i 19 anni nel Circus la gente mi chiedeva perché non mi fermavo. Oggi rispondo che mi ritirerò dal motorsport quando non avrò più voglia di guidare. Con le Stock e i kart sto gareggiando più adesso di quando ero nella massima serie, ciò significa che sono ancora competitivo. La mia presenza a Le Mans è quindi già positiva per il solo fatto che mi consente di fare ciò che desidero”. Ha sottolineato il 45enne zittendo quanti in questi anni lo hanno preso poco seriamente, o lo hanno considerato come il “paperino” della situazione.

Ruben Barrichello farà parte del Racing Team Nederland, categoria LMP2, e affiancherà di veterani Jan Lammers e Frits van Eerd.