Tramonta la chance Canada per Giovinazzi

Antonio Giovinazzi (©Getty Images)

Niente da fare per Antonio Giovinazzi. Il pugliese, che per un attimo aveva sperato di potersi rimettere al volante della Sauber in occasione del prossimo round al Gilles Villeneuve, dovrà invece accontentarsi di seguirlo dal box Ferrari. Questa mattina è infatti arrivata la conferma da parte del team di Hinwil e dallo stesso Pascal Wehrlein che i controlli effettuati per verificare eventuali problemi post incidente di Montecarlo sono risultati tutti negativi.

“Grande notizia. E’ arrivato l’esito degli esami e Wehrlein sarà pronto per il GP del Canada”. L’annuncio sulla pagina Twitter della scuderia. “Fatte tutte le visite. Ci vediamo a Montreal”. La voce del 22enne via social network.

Per chi non avesse seguito la gara del Principato, il tedesco era stato speronato da Jenson Button in un tentativo di soprasso kamikaze nella zona del Portier (entrata del tunnel) e dopo essersi girato su un fianco con la sua C36 aveva sbattuto la testa contro il guardrail. Non appena rimesso sulle quattro ruote, il pilota era stato condotto al centro medico del circuito a fronte dello spettacolare capottamento di cui era stato vittima e alla luce dei postumi di un altro botto pauroso avvenuto alla Race of Champions di gennaio a Miami, in cui aveva subito la compressione di tre vertebre. Dichiarato dai dottori in buone condizioni, la squadra elvetica aveva tuttavia deciso di approfondire per evitare imprevisti in corsa.

Insomma niente da fare per il nostro Antonio Giovinazzi che comunque sarà schierato dalla Haas al posto di Kevin Magnussen nella prima sessione di prove libere di Silverstone, Budapest, Monza, Sepang, Città del Messico (in sostituzione di Romain Grosjean), Interlagos e Abu Dhabi.

Chiara Rainis