Valentino Rossi massimo silenzio. Al Mugello tra luci e ombre

Valentino Rossi (©Getty Images)

Nonostante i pronostici dicano che Valentino Rossi sarà regolarmente in pista, avanzano dubbi tra i tifosi di Tavullia. Bisognerà superare il doppio ok dei medici e gli acciacchi residui della caduta in allenamento. Perchè se è vero che mancano notizie ufficiali dalla sua roccaforte pesarese trapelano voci di persistenti dolori al torace.

E’ passata quasi una settimana dall’infortunio rimediato sulla pista romagnola di Cavallara. Dopo la foto di un Valentino Rossi sorridente nell’ospedale di Rimini si è voluto mantenere massima riservatezza sulle sue reali condizioni. Yamaha ha fatto sapere che il quadro clinico migliora progressivamente, ma non precisa se abbastanza per essere regolarmente in pista nella gara di domenica. Un alone di suspense e mistero che rende ancor più fibrillante il tanto atteso Gran Premio d’Italia.

Del resto il Dottore è il Dottore. La casa di Iwata gli avrebbe perdonato anche la sua decisione di fare cross sulla pista di Cavallara che non sarebbe presente tra quelle stabilite in contratto (viceversa il Ranch di Tavullia e il Santamonica). Adesso non resta che attendere i primi comunicati ufficiali che arriveranno tra alcune ore e la conferenza stampa del giovedì.

Ma saranno solo i referti medici a dare l’ok definitivo. Domani i dottori del circuito diranno se potrà essere in moto venerdì per le prove libere. Poi sabato toccherà a Valentino decidere se essere in pista fino alle qualifiche e al nuovo test medico. Di certo il nove volte iridato non sarà al massimo della forma. Su questo sembra non sia necessario attendere dichiarazioni e referti. Qualora non dovesse farcela Yamaha deciderà di non sostituirlo con un altro pilota. Il Mugello vive l’attesa con il fiato sospeso, il popolo giallo è già in cammino con le dita incrociate…

L.C.