Simone Mazzola (Facebook)

All’ospedale Bufalini di Cesena, dopo il decesso di Nicky Hayden c’è grande apprensione per un altro pilota, Simone Mazzola. Il 21enne romano, mentre era impegnato nelle prove libere del CIV classe SS300 sul circuito di Misano questo weekend è incappato in uno spaventoso incidente. Il ragazzo è stato trasportato d’urgenza con l’elicottero proprio all’ospedale che ospitava anche Hayden.

Dopo un po’ di giorni di silenzio a fare finalmente luce sulle condizioni di Simone Mazzola ci pensa il manager Roberto Basso, attraverso il suo profilo Facebook, dove scrive: “Buongiorno a tutti, siete in moltissimi ad avermi chiamato per sapere le condizioni di Simone Mazzola e vi ringrazio molto per l’affetto che avete verso di lui”.

Le condizioni sembrano essere migliorate

L’uomo ha spiegato quanto fatto dai medici del Bufalini sul giovane pilota: “Le condizioni di Simone sono stabili, l’intervento per la ricostruzione della vertebra è riuscito perfettamente ed è cosciente e vigile già da sabato mattina, muove braccia e mani e per adesso non può parlare perché ancora non può respirare autonomamente e non ha sensibilità sulle gambe”.

Basso ha poi raccontato delle conseguenze del terribile incidente: “Le schegge della vertebra fratturata hanno lesionato il midollo, ma per adesso non si è a conoscenza dell’entità del danno, quindi ci vogliono mesi di riabilitazione per capire se Simone potrà tornare a camminare”.

Insomma il quadro clinico sembra decisamente migliorato rispetto a quanto si era paventato nei giorni precedenti dai comunicati ufficiali del CIV. Un vero peccato, Simone Mazzola, infatti, al momento dell’incidente era anche leader della classifica. A quanto pare il ragazzo non sembra essere in pericolo di vita e questo è molto importante, ma dovrà lottare con tutto sé stesso per ritornare quello di un tempo. Speriamo nei prossimi giorni di potervi dare notizie positive sul ragazzo.

Antonio Russo