Marc Marquez: “Hayden? Con lui un party indimenticabile”

Marc Marquez (©Getty Images)

Dalla sua Spagna è andato via con un secondo posto abbastanza soddisfacente ottenuto alle spalle del compagno di squadra Dani Padrosa. Per il round francese della MotoGP Marc Marquez ci va cauto e pur non nascondendo di ambire ad un’altra top 3 non si sbilancia in proclami di vittoria.

“La piazza d’onore a Jerez e in generale il risultato globale per la squadra, sono stati un po’ una sorpresa, perché storicamente quello è un tracciato in cui la Honda fatica”. Ha confidato in conferenza stampa. “Per quanto mi riguarda il weekend non è stato semplice, tuttavia sono stato in grado di gestirmi e lottare per il successo fino all’ultima tornata”.

“Sono altrettanto contento dei test di lunedì. Ho provato diverse novità e ho potuto girare a lungo”. Ha proseguito nella sua analisi il campione di Cervera. “Vedremo quindi come andrà in corsa. Diciamo che a Le Mans abbiamo un po’ sofferto nelle ultime due stagioni. Questa volta però con moto molto differenti dovrebbe andare meglio. Senza dimenticare che potremo contare sui numerosi dati raccolti a Cal Cruthclow, che qui ha già avuto occasione di provare. Il nostro compito, dunque sarà quello di sfruttare al massimo le informazioni extra. Nel complesso la pista mi piace, ma purtroppo questo non è garanzia di risultato anche se ho vinto nel 2014, nel 2013 avevo fatto una bella corsa con la pioggia e nel 2016 ho comunque battagliato per il podio”.

Parlando in seguito delle nuove Michelin leggermente più dure, che verranno utilizzate fine campionato, ha considerato: “Si tratta della mescola testata anche lo scorso anno a Valencia. A mio avviso non cambia molto dalla hard usata finora. Qualche lato positivo ce l’ha, per cui ben venga la sua adozione”.

Omaggio ad Hayden

Infine Marc Marquez ha voluto dedicare un pensiero a Nicky Hayden, che all’Ospedale Bufalini di Cesena sta lottando tra la vita e la morte dopo un incidente in bici. “L’ho conosciuto al mio arrivo in Repsol nel 2008”. Il suo racconto. “Con me è sempre stato molto carino. Il ricordo più bello che conservo è l’Australia 2016, quando era stato chiamato per sostituire Dani. Abbiamo trascorso molto tempo assieme quel fine settimana. Domenica era stato organizzato un party bellissimo. Lui era stanco e mi aveva detto che voleva andare a dormire. Invece è rimasto con me fino alle 6 del mattino!”.

“E’ davvero triste quello che è successo. Si rischia in continuazione la vita in gara e poi all’improvviso tutto si stravolge in occasioni inaspettate. Auguro a lui e alla famiglia tutto il meglio”. Ha concluso il 24enne.

Chiara Rainis