Pernat: Nel 2019 il team di Rossi in MotoGP con Iannone

Carlo Pernat (©Getty Images)

La MotoGP è pronta a vivere il suo 5° appuntamento stagionale. In Francia, contro ogni pronostico della vigilia, arriverà in testa alla classifica generale Valentino Rossi, con una vantaggio risicato sul compagno di squadra Maverick Vinales e su campione uscente Marc Marquez. Il Dottore grazie ad un rendimento più costante rispetto a tutti gli altri è riuscito a ritagliarsi ancora una volta un ruolo da protagonista in questa MotoGP.

Come riportato da “InSella.it”, Carlo Pernat ha detto la sua su questo primo scorcio di stagione di MotoGP: “La scelta di Jorge Lorenzo in Ducati è stata molto forte da parte di Gigi Dall’Igna, probabilmente pensava di avere la moto vincente. Per lo spagnolo passare da una Yamaha alla Desmosedici GP 17 non è stato facile. Qualcuno ha sottovalutato la scomparsa delle alette che davano un 10% in più in accelerazione e un 10% in più in frenata, quindi 20% in meno è tanto. Se l’obiettivo era il titolo allora non è stato centrato. Dovranno lavorare in ottica 2018”.

Per Pernat in futuro Marquez batterà Rossi

Pernat ha naturalmente parlato anche del leader del campionato: “La carta d’identità di Valentino Rossi è falsa. Lui è furbo, gioca molto sulla rivalità tra Marquez e Vinales che non si sono mai piaciuti. Gli altri se le danno di santa ragione e lui sta cercando di sfruttare i loro errori e così facendo tra i due litiganti il terzo gode. Non sono sorpreso di vederlo leader, sta facendo il professionista, nei primi 3 ce l’avrei messo e secondo me in Europa può vincere anche qualche gara”.

Si parla anche di ciò che potrà fare il Dottore a fine carriera e Pernat afferma: “Non perderemo Valentino. Correrà sino al 2018, poi farà il team anche in MotoGP con Yamaha, oltre quelli che ha già in Moto3 e Moto2. Sky lo appoggerà sempre e magari potrebbe chiamare anche il suo amico Iannone per correrci su. Dopo il ritiro avrà anche un ruolo importante in Dorna magari”.

Quando si parla del duello tra Marquez e Vinales, Carlo Pernat è chiaro, pensa che il pilota della Honda sia più spettacolare e quindi più amato dai tifosi, anche se crede che potenzialmente il driver della Yamaha possa essere più forte di Marquez, anche se poi mostra dei dubbi e afferma: “Molti dicono che Vinales sia forte di testa, secondo me no, basta guardare la caduta di Austin”.

Poi Pernat fa un’interessante rivelazione su Marquez: “Quest’anno dipende molto da lui, ma se non si accontenta e cade rischia di perderlo il mondiale. In ogni caso penso che Marquez in futuro batterà anche i record di Rossi, non vedo grandi avversari per lui a parte Vinales”. Pernat ha anche affermato che Iannone così come Lorenzo ha sofferto il cambio di moto.

Sui rapporti di forza in MotoGP, Carlo Pernat pensa che la Yamaha sia la moto migliore, mentre Ducati e Suzuki sono allo stesso livello come 3a forza del campionato. Quando si parla di titolo mondiale però, Vinales non sembra esserci nei pensieri del manager italiano: “Punto il 60% su Marquez, perché oggi come oggi è più forte vista anche l’età e 40% su Valentino per la grande esperienza”.

Antonio Russo