Mercato piloti F1: nessuna conferma, nessuna smentita

Maurizio Arrivabene e Sebastian Vettel (©Getty Images)

Fino alla firma del nuovo contratto il mercato piloti rappresenta l’altro binario del Mondiale di F1. Sotto i riflettori ci sono Sebastian Vettel e Fernando Alonso, entrambi in scadenza a fine anno. Entrambi nel mirino di Mercedes e l’ipotesi di un improbabile ritorno dello spagnolo in livrea rossa. Fantamercato o voci di corridoio, si lavora dietro le quinte, nessuna conferma nè smentita.

Una battaglia psicologica sul filo del rasoio, un tira e molla tra piloti e scuderie per tirare quanta più acqua verso il proprio mulino. Con il rischio che il filo possa spezzarsi e rivelare un colpo di scena. O il nulla assoluto. Per adesso si brancola nel buio. “Dovete capire lo spirito della squadra. Stiamo lavorando, in realtà, come una squadra molto compatta ed i nostri piloti sono parte integrante di questa squadra – ha dichiarato Maurizio Arrivabene nel venerdì del Montmelò -. I contratti non sono una priorità. Siamo totalmente concentrati su quello che stiamo facendo. E soprattutto stiamo lavorando bene insieme”.

Arriverà il momento della stretta finale, forse entro l’estate, a giochi già fatti? “Ci sentiamo un gruppo, stiamo bene insieme. Non ha senso cominciare a parlare di tutto ciò che può portare solo distrazioni”. Meglio parlare di altro dinanzi ai media, quindi del Gran Premio di Spagna in corso. Occhio agli avversari, ma seguendo il proprio programma di lavoro. “Dobbiamo prendere in considerazione ciò che fanno i nostri avversari per poter competere con loro e continuare il nostro sviluppo – ha aggiunto il team principal Ferrari -. Se vediamo qualcosa di interessante lo esaminiamo. Ma ovviamente abbiamo il nostro programma e vogliamo proseguire seguendo ciò che abbiamo pianificato”.

In casa McLaren si cerca di lavorare per fornire una monoposto vincente a Fernando Alonso, almeno in vista del 2019. Grande il gap dagli avversari, poco il tempo a disposizione. Il pilota di Oviedo sembra stanco di attendere. Tanto da non escludere più a priori un ritorno alla casa di Maranello. “Ho sempre detto che il mio obiettivo è vincere un altro Mondiale e che in McLaren mi trovo bene. Al momento non penso al futuro, inizierò a pensarci dall’estate. Vorrei continuare qui a patto che ci siano le condizioni per poter lottare per la vittoria. Se non ci fossero le condizioni, invece, sarò aperto a ogni opzione”.

Luigi Ciamburro