Valentino Rossi porta soldi, ma anche tante polemiche

Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi è un personaggio che divide e anche quando non è direttamente protagonista del fatto ne diventa d’improvviso attore principale. In questi giorni grandi polemiche sono state sollevate intorno al progetto “Terra di piloti e motori” promosso dal sindaco di Pesaro Matteo Ricci. La legge atta a valorizzare la tradizione motoristica nella Regione Marche dovrebbe portare a finanziamenti pari a 50mila euro per il 2017 e 10mila per il 2018.

Questi soldi dovrebbero sostenere principalmente Tavullia e Pesaro, da diversi anni meta turistica per tanti amanti dei motori soprattutto grazie a Valentino Rossi. I vari rappresentati dei paesi che riceveranno gli aiuti economici statali naturalmente sono entusiasti da questa iniziativa. Le Marche da sempre sono un fulcro centrale nel mondo dei motori, in particolar modo per le due ruote e per i piloti. A Civitanova Marche ad esempio è nato il campione del mondo Franco Uncini.

Tanti soldi anche per L’Emilia Romagna, altra terra di motori

Non tutti però la pensano così, grande opposizione, infatti, è arrivata da parte del Movimento 5 Stelle e della Lega Nord, che sono contrari a un tale esborso di denaro pubblico per un progetto che fonda le proprie radici sul flusso di turisti che ogni anno accorrono a Tavullia grazie al 9 volte campione del mondo Valentino Rossi. La polemica è nata anche perché dall’altro lato gli esponenti della Regione Marche accusano l’opposizione di avere una certa miopia nei confronti dell’Emilia Romagna, che ogni anno riceve diversi aiuti statali per svariati progetti.

L’opposizione però ha argomentato la propria posizione sostenendo che a differenza delle Marche che fondano la propria richiesta su un turismo concentrato solo in alcuni punti strategici grazie ad alcuni piloti come Valentino Rossi. L’Emilia Romagna può vantare marchi come Ducati e Ferrari e circuiti come Imola e Misano.

Antonio Russo