Passaggio di proprietà, cosa fare per risparmiare?

Auto (©Getty Images)

Il passaggio di proprietà è quel processo che viene compiuto per trasferire il diritto di proprietà su una vettura da un soggetto all’altro aggiornando i dati contenuti nell’Archivio Nazionale dei Veicoli (ANV) e nel Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Tale procedimento però ha un costo, che in alcuni casi arriva a superare il valore della vettura stessa. La domanda va presentata ad uno Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) presso le unità territoriali dell’ACI – PRA, gli uffici provinciali della Motorizzazione Civile, le delegazioni Automobile Club o le agenzie di pratiche auto abilitate.

La richiesta di registrazione al PRA deve essere inoltrata entro 60 giorni dalla data dell’autentica della sottoscrizione del venditore nell’atto di vendita. Una volta terminata tale procedura, lo Sportello Telematico dell’Automobilista rilascia un talloncino adesivo di aggiornamento da apporre alla carta di circolazione e la ricevuta del nuovo certificato.

Documenti necessari per il passaggio di proprietà

Per concludere la pratica del passaggio di proprietà bisogna presentare i seguenti documenti: certificato di proprietà, in modalità cartacea (CdP) o digitale (CDPD), in quest’ultimo caso, contestualmente va presentata anche la ricevuta della registrazione contenente il codice che permette la visualizzazione online; carta di circolazione (originale e fotocopia); atto di vendita, se non risulta apposta a tergo del CdP o CDPD deve essere presentato come scrittura privata autenticata, atto pubblico o sentenza corredata da imposta di bollo di 16 euro.

Inoltre sono necessari: modello NP3C, in duplice copia originale da presentare in alternativa al CdP o CDPD; modulo TT2129 e infine il documento di riconoscimento in copia. I costi per il passaggio di proprietà sono i seguenti: imposta provinciale, cifra variabile in base alla provincia di residenza e alla potenza del veicolo misurata in Kw; emolumenti ACI di 27 euro; imposta di bollo di 32 euro se si utilizza il CdP o 48 se viene utilizzato il modello N3PC e diritti DT e imposta di bollo per una cifra complessiva di 26,20 euro.

Antonio Russo