MotoGP Jerez, Valentino Rossi: “La Honda preoccupa”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi solo in terza fila nelle Qualifiche MotoGP del Gran Premio di Spagna 2017. Sul tracciato di Jerez il leader del campionato si è classificato solo settimo.

Per il Dottore tante difficoltà, come visto già nelle prove libere. Soprattutto il terzo settore è una sofferenza per la Yamaha. Anche Maverick Vinales, comunque quarto, è stato meno brillante del solito. Le Honda hanno conquistato la prima fila (tris Pedrosa-Marquez-Crutchlow) e sono favorite per la gara di domani. Il loro passo è migliore. Ad ogni modo, c’è ancora un warm-up domattina da sfruttare per migliorare la situazione nel box Movistar. E sappiamo che il nove volte campione del mondo, vincitore a Jerez nel 2016, il meglio poi lo dà in gara.

MotoGP Jerez, Qualifiche: parla Valentino Rossi

Al termine della giornata odierna Valentino Rossi ha così parlato ai giornalisti in merito al suo risultato e alla situazione generale. Queste le parole riportate da Speedweek: “Domattina sarà importante lavorare bene, perché nel warm-up servono dei miglioramenti. Quei 20 minuti possono essere importanti per la gara. Domani farà caldo e dunque la scelta della gomma è fondamentale. Purtroppo questi pneumatici sembrano adatti alla Honda, ma non tanto alla Yamaha”.

Maverick Vinales ha spiegato di avere dei grossi problemi di grip sulla parte sinistra della gomma e di fare difficoltà in alcune curve. Anche il nove volte campione del mondo conferma: “Sì, ho anche io problemi sul lato sinistro e non riusciamo ad essere abbastanza veloci. Le Honda sono più forti. Vedremo in gara. Dobbiamo fare una scelta intelligente. Ho meno problemi che nei test, ma non sono al 100%. Non abbiamo ancora abbastanza fiducia sulla gomma anteriore. Bisogna migliorare l’equilibrio della moto, serve lavorare”.

Domani la gara dovrebbe avvenire con un clima abbastanza caldo e temperature moderatamente alte rispetto a quelle viste oggi. A tal proposito Valentino Rossi spiega: “Di solito per noi è peggio quando fa caldo. Siamo un po’ preoccupati dalle prestazioni della Honda, perché solitamente qui soffrivano di più negli ultimi anni. Invece ora Marquez, Pedrosa e Crutchlow hanno un ritmo migliore del nostro. Siamo preoccupati, anche perché siamo più in difficoltà qui che nel primo GP. Nelle prime due gare soprattutto la nostra moto era migliore rispetto a quella della concorrenza, ma possiamo ancora migliorare il feeling con qualche messa a punto. Poi vedremo cosa succederà in gara”.