Marc Marquez: “Non capisco perché non sono lì davanti”

Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez sembra finalmente ritornato il killer infallibile dell’anno passato. Ad Austin, infatti, è arrivata una pole e una strabiliante vittoria. Lo spagnolo dopo il mediocre 4° posto in Qatar e la rovinosa caduta in Argentina è riuscito a riprendersi la scena in MotoGP grazie anche al contemporaneo scivolone di Maverick Vinales in Texas. Ora a Jerez per il pilota Honda c’è la ghiotta opportunità di accorciare ancora di più la forbice con i due piloti Yamaha.

Nei primi turni delle prove libere però Marc Marquez non è apparso in palla come ci si aspettava, infatti, ha così commentato: “Anche se guido una Honda, non so il motivo per il quale lì davanti ci sono 3 Honda e io non ne faccio parte. In ogni caso bisogna tenere conto anche del ritmo gara, non solo del giro veloce. Inoltre è sempre positivo sapere che la Honda ha dominato. Dani è andato molto forte sul giro secco, ma il suo ritmo non mi ha impressionato sul ritmo gara. In FP2 c’era poco grip a causa di alcune pozze. Solo in FP3 si riusciranno a capire i veri equilibri”.

Marquez crede che la Honda vada forte sul bagnato

Marc Marquez ha anche parlato dell’anno passato: “L’anno scorso siamo stati molto forti su questa pista in alcuni punti. Ora abbiamo perso quei punti di forza, ma ne abbiamo acquistato di nuovi. Quest’anno gli avversari sono più vicini. La moto del 2017 è molto più stabile rispetto allo scorso anno in frenata, ma traballa quando la si spinge. Oggi non siamo andati al massimo perché la pista era ancora troppo bagnata ed era pericoloso”

Marc Marquez ha anche affrontato l’argomento pioggia: “Con pista bagnata abbiamo già dimostrato in Argentina di avere una buona moto. Qui se il pneumatico anteriore è troppo morbido è difficile andare veloce con Honda”.

Antonio Russo