Jacques Villeneuve: “Vettel favorito per il mondiale”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

I più scaramantici avranno subito provveduto a toccare ogni materiale a disposizione, sta di fatto che sono in molti oggi a dare la Ferrari vincitrice del mondiale 2017.  Tra gli ottimisti e i convinti della Rossa davanti a tutti ad Abu Dhabi anche l’iridato 1997 Jacques Villeneuve.

“Ammetto che il sorpasso ai danni della Mercedes mi ha sorpreso”. Ha confidato a Leo Turrini. “A mio avviso Sebastian Vettel è il più papabile al titolo. Il Cavallino sta facendo un ottimo lavoro e il tedesco, mi pare, si stia dimostrando in grado di sopportare la pressione. Devo dire comunque che anche le prestazioni di Kimi Raikkonen sono notevoli e decisamente superiori a ciò che ci si attenderebbe da un semplice numero 2.  Mi colpisce che tante persone siano determinate a non voler concepire questo punto. Se guardate la differenza di performance tra i due arriva appena al decimo di secondo. Iceman poi rappresenta il prototipo del compagno di squadra perfetto dato che non crea mai tensioni interne”.

Analizzando invece la stagione della Red Bull, al momento terza tra i costruttori ma con appena 57 lunghezze contro le 136 della leader di Stoccarda, il canadese ha confidato chiaramente le proprie perplessità circa un possibile rientro nei giochi della scuderia austriaca malgrado gli importanti aggiornamenti che porterà in occasione del primo round europeo in Spagna. “E’ troppo lontana”. Il suo pensiero. “Forse potrà aggiudicarsi una corsa o due se fortunata, tuttavia non la reputo al livello delle avversarie”.

Infine sul successo dell’insospettabile Valtteri Bottas in Russia, in un weekend che ha visto Hamilton navigare nel buio, Jacques Villeneuve è apparso altrettanto sicuro. “Io starei attento a giudicarlo troppo positivamente. Sochi è il tracciato che ama di più. Non credo dunque sarà in grado di distruggere Lewis in questo modo altrove. Inoltre non lo ritengo psicologicamente preparato per la lottare per il campionato”. Ha chiosato il 46enne.

Chiara Rainis