Motore Ferrari, Vettel litiga con giornalista: “Dovresti vergognarti”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

Che non sarebbe stato un weekend facile Sebastian Vettel probabilmente doveva capirlo già dal sabato, quando subito dopo la pole ha avuto un alterco con un corrispondente de “La Gazzetta dello Sport” durante la consueta conferenza stampa post-qualifiche. Punto della discordia i famosi propulsori Ferrari le cui unità nuove montate, a Sochi, sono salite a 3 per entrambi i piloti (il limite massimo consentito durante una stagione è 4 dopodiché scattano le penalità). Il collega ha, infatti, chiesto ai Raikkonen e al tedesco se erano preoccupati di essere giunti già alla 3a unità utilizzata.

Subito piccato il commento del finlandese, che ha risposto: “Sei sempre bravo a trovare cose negative su di noi”. Patriottica, invece, la risposta di Sebastian Vettel: “Sei italiano, dovresti essere entusiasta di questa pole. Io credo che in Italia sono tutti soddisfatti di questo risultato. Probabilmente sei l’unico italiano nel mondo che sta cercando un motivo per essere pessimista. Dovresti vergognarti di te stesso”.

In Ferrari il problema non esiste

Sebastian Vettel è apparso particolarmente innervosito da tutto ciò: “Probabilmente dovresti chiedere la cittadinanza tedesca, in quanto di solito i tedeschi trovano sempre un motivo per lamentarsi. Se quando ritorni da Sochi trovi una vita difficile in Italia, vedrai che in Germania verrai accolto a braccia aperte”.

Il nervosismo di Sebastian Vettel se da un lato può essere compreso. In fondo dopo le critiche negli ultimi anni, ora che finalmente stanno arrivando i risultati, il tedesco vuole godersi un po’ di elogi. Dall’altro lato sembra un po’ eccessiva la reazione dell’ex pilota Red Bull, che potrebbe nascondere un problema che tra i corridoi di Maranello è tenuto al sicuro da stampa e tifosi, ma che effettivamente c’è.

Per onestà di cronaca bisogna dire che da casa Ferrari hanno già fatto sapere che i 3 motori utilizzati sinora sono frutto di normali rotazioni all’interno della squadra già decise nella pre-season. Una cosa è certa, se Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sono stati così acidi sabato dopo la splendida doppietta, non osiamo immaginare come avrebbero risposto ieri dopo il 2° e il 3° posto conquistato in Russia.

Antonio Russo