Sebastian Vettel: “Che sorpresa essere in pole”

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen (©Getty Images)

Non succedeva dal 2008 e la Mercedes forse con una punta di cattiveria l’ha voluto sottolineare in un tweet pubblicato subito dopo la bandiera a scacchi. Dopo quasi un decennio, in Russia la Ferrari è riuscita a monopolizzare la prima fila in qualifica.

Sarà per questo che l’uno- due di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen in terra olimpionica sembra portare con sé un’aurea particolare, quasi storica, che in molti vorrebbero veder trasformata in una doppietta domenica pomeriggio.

“Con la SF70-H mi sono sentito subito a mio agio, ma nel Q2 ho sbagliato e sono arrivato bloccaggio perdendo tempo”. Il racconto del tedesco. “Nel Q3 invece sono andato meglio, per cui finché il mio ingegnere non mi ha confermato dove erano gli altri non mi sono tranquillizzato. Ero davvero sulle spine. Alla fine è stata una liberazione. Mi sono sentito al settimo cielo. Devo dire che è stato piacevole portare al limite la macchina con poco carburante a bordo”.

“Purtroppo però queste sensazioni dovrò presto archiviarle, perché il pensiero andrà alla gara”. Ha aggiunto Sebastian Vettel. “Comunque sono contento per la scuderia. In particolare sono felice di avere il mio compagno di box affianco. Sincermente questo risultato è stato abbastanza una sorpresa. Sapevo infatti che l’auto era messa bene, ma non credevo così. Per la corsa mi aspetto un Bottas molto forte come dimostra il suo passo”.

Ci ha creduto come ci hanno creduto i suoi tanti tifosi, ma sotto la bandiera a scacchi Iceman si è dovuto accodare al pilota di Heppenheim. Super competitivo in tutte le fasi delle qualifiche il finnico non è riuscito a raccogliere quanto avrebbe meritato.

“E’ stato frustrante perché al momento dell’out lap decisivo ho incontrato parecchio traffico e questo mi ha impedito di spingere. Ho provato a recuperare nell’ultima curva, però non c’è stato nulla da fare”. Il commento di Kimi Raikkonen. “Oggi siamo stati veloci, vedremo se domani sapremo gestire. Sinceramente mi attendo una lotta serrata con la Mercedes”.

Chiara Rainis