Fernando Alonso: “Imbarazzante quanto ci manca in rettilineo”

Fernando Alonso (©Getty Images)

Seppur finalmente risparmiato dai gravosi guasti tecnici sulla sua McLaren, o meglio sul suo motore Honda, Fernando Alonso ha ugualmente trovato qualcosa di cui lamentarsi al termine del sabato di Sochi. Quattordicesimo nelle terze libere e quindicesimo in qualifica lo spagnolo è apparso infatti molto critico circa lo spunto della sua MCL32.

“Su questa pista mi sono subito sentito bene al volante e davvero credevo che saremmo stati competitivi, ma purtroppo anche oggi siamo sprofondati”. In particolare al due volte iridato non è andato giù l’enorme gap in rettilineo rispetto alla concorrenza e difatti ha espresso tutto il suo disappunto prima via radio al momento dell’eliminazione nel Q2 e poi davanti ai microfoni. “A mio avviso è incredibile quanto perdiamo sul dritto. Mi è dispiaciuto perché come detto le sensazioni erano buone e c’era un ottimo livello di grip”. Ha proseguito nella sua analisi. “In curva reggiamo il confronto, però sul rettifilo principale oggi eravamo almeno 1″3 più indietro rispetto agli altri. Di conseguenza in globale abbiamo un deficit tra i 2″5 e i 3″”.

“Conoscendo il tracciato e sapendo che premia la potenza, immaginavo che non saremmo stati molto competitivi, tuttavia i giri che ho fatto sono stati senza sbavature e nel Q1 addirittura ho fatto meglio del mio compagno Stoffel Vandoorne di sette decimi e lui è uno che ha vinto dominando in tutte le categorie in cui ha corso. Ciò significa che mi sentivo piuttosto bene ed è un peccato aver buttato via così un possibile risultato”. Ha aggiunto non nascondendo la delusione.

Infine giusto per non risparmiare nulla a Sakura, Fernando Alonso ha elogiato il telaio preparato dal team di Woking definendolo il terzo del gruppo. “Aver un solo elemento funzionante non basta. Se guardate le prime quattro macchine in griglia vi accorgerete che sono un passo avanti sotto ogni punto di vista”. La chiosa amara del campione di Oviedo.

Chiara Rainis