F1 Mercedes, Hamilton e Bottas: “Ferrari più veloci”

Lewis Hamilton Valtteri Bottas
Lewis Hamilton e Valtteri Bottas (©Getty Images)

Nelle Qualifiche del Gran Premio di Russia le Mercedes vengono battute dalle Ferrari. Sarà una prima fila tutta rossa, mentre Valtteri Bottas e Lewis Hamilton scatteranno dalla seconda.

Un’altra conferma che il campionato 2017 di F1 sarà probabilmente una lotta a due e non un monopolio. Il Cavallino Rampante ha colmato il gap dalla rivale tedesca e può giocarsi il titolo. I piloti accreditati per conquistare il Mondiale sono ovviamente Vettel e Hamilton, però un ruolo da protagonisti possono giocarlo pure Bottas e Raikkonen. Intanto domani a Sochi la scuderia di Maranello parte favorita, ma quella di Brackley farà di tutto per ostacolarla.

F1 Sochi, Mercedes: parlano Hamilton e Bottas

Nelle Qualifiche in Russia abbiamo visto Bottas avere la meglio su Hamilton. Il finlandese, terzo in griglia, riconosce che le Ferrari vanno più forte ma resta positivo in ottica gara: “La Ferrari è stata più veloce e ha sfruttato meglio le gomme. Noi abbiamo fatto miglioramenti, ma non sufficienti ancora. Però conta la gara e partire in seconda fila non è un risultato negativo. Inoltre la strada per arrivare alla Curva 1 è lunga…”.

L’ex pilota Williams proverà ad attaccare in partenza, sperando di passare le rosse. Molto determinato e fiducioso rispetto a un Hamilton più negativo sulla situazione: “Con due Ferrari davanti, domani la gara sarà molto complicata per noi, ma spero che non saranno troppo veloci e di poter competere con loro. Il nostro ritmo venerdì era abbastanza negativo, le Ferrari invece sono molto veloci sia sul passo che sul giro secco. Non so perché abbiamo faticato, però nel terzo settore perdo mezzo secondo e dunque lì c’è un problema”.

In gara le cose possono cambiare rispetto alle Qualifiche, anche se la Ferrari farà di tutto per conquistare una doppietta. Sarà importante la partenza, ma anche la strategia durante la corsa. Nonostante l’apparente vantaggio del Cavallino Rampante, non bisogna mai dare la Mercedes per sconfitta.