MotoGP, Marc Marquez: “Non mi sento perfettamente sulla Honda”

Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

Marc Marquez si è decisamente rilanciato dopo la vittoria di Austin. Quinta vittoria consecutiva sul tracciato del Texas, dove lo spagnolo è un vero dominatore.

Dopo la caduta in Argentina, il campione del mondo distava 37 punti dalla vetta della classifica. Adesso, grazie anche alla caduta di Maverick Vinales, il gap è di 18 lunghezze. Il leader è Valentino Rossi, suo acerrimo rivale. Non sappiamo se il Dottore sarà in lotta per il titolo, ma sicuramente il duo spagnolo si contenderà il Mondiale. Soprattutto loro sono i favoriti, anche se il 38enne di Tavullia non va mai sottovalutato. Ad ogni modo, i giochi sono aperti dato che siamo solo a inizio stagione. Bisognerà aspettare giugno-luglio per fare alcune valutazioni in chiave iridata.

MotoGP, Marc Marquez fa il punto della situazione

Marc Marquez, ripreso da Speedweek, ha commentato la vittoria di Austin e l’importanza che ricopre in ottica Mondiale: “Ogni anno è difficile, dobbiamo sempre dare il cento per cento. Ma in gara ho avuto tutto sotto controllo e mi sono sentito bene. E’ una vittoria importante, perché dopo il mio errore in Argentina è stato particolarmente significativo tornare a vincere. Un podio era il minimo. Naturalmente è stato meglio vincere prima di partire per l’Europa”.

Il successo negli Stati Uniti ha consentito di portarsi molto più avanti in classifica nel campionato. Dopo Termas de Rio Hondo la graduatoria per lui era molto negativa. Adesso lo spagnolo è più contento: “Ora sono terzo. Prima della gara ero ottavo e volevo tornare in alto. Ora sono felice perché abbiamo lavorato duramente con la squadra. Tuttavia, devo ammettere che io ancora non mi sento perfettamente sulla moto. Ci manca qualcosa”.

Marquez, nonostante il riscatto in Texas, si attende ulteriori miglioramenti in vista delle gare in Europa. Il campione del mondo in carica parla così dei prossimi impegni: “Ora abbiamo un test importante a Le Mans e una gara importante a Jerez. Inoltre, il test dopo Jerez sarà molto importante, perché se abbiamo capito il problema e lo risolviamo, allora possiamo davvero lottare per il titolo”.

 

Matteo Bellan (segui @TeoBellan su Twitter)