MotoGP, Marc Marquez: “Dobbiamo fermare Vinales”

Marc Marquez (
Marc Marquez (©Getty Images)

Ad Austin Marc Marquez partirà con i favori del pronostico. Ma anche con il ricordo del ko argentino difficile da digerire. Serve subito una vittoria, o quantomeno il primo podio stagionale, per allontanare le nuvole grige dal box iridato. Nelle quattro precedenti edizioni al COTA ha collezionato altrettante vittorie, ora si punta alla quintina. Ma l’ostacolo più grande potrebbe essere la Yamaha di Vinales.

“Questa è la pista migliore per prendere il primo buon risultato della stagione”, ha detto Marquez alla conferenza stampa di Austin. Nulla è certo in uno sport come la MotoGP. “Ogni anno è di nuovo qualcosa di diverso, abbiamo vinto gli ultimi quattro anni, ma questa volta potrebbe funzionare in modo diverso”. La caduta di Rio Hondo ha lasciato una vena di pessimismo, “tuttavia non lasceremo nulla di intentato per dare gas dalle prime prove. Vediamo se saremo in prima fila sul podio”.

Con una stagione ancora lunga davanti a sè tutto può ancora succedere. Gli errori sono alla portata di tutti, Vinales compreso. “Maverick dopo un forte precampionato non è certo una sorpresa – ha aggiunto Marc Marquez -. Ha vinto le prime due gare ed è impressionante. Cercheremo di fermarlo il più presto possibile, ma per ora dobbiamo lavorare sodo nel nostro box per vincere la domenica”.

Bisogna gestire meglio la frenata, il grip al posteriore, chiave di volta del GP texano, e migliorare in uscita di curva. Tutta colpa del nuovo motore che richiede una rinnovata conoscenza del limite. Ma ha i suoi lati positivi: “Le caratteristiche di questo motore mi fanno sentire più forte in circuiti dove prima stavamo soffrendo, un po’ meno forte sui circuiti dove potevo osare di più – ha concluso il campione della Honda -. Bisogna capire dov’è il limite”.

Luigi Ciamburro