Max Verstappen si scusa con i brasiliani

Max Verstappen (©Getty Images)

Le sue parole indirizzate a Felipe Massa, colpevole di averlo ostacolato nelle qualifiche del Bahrain, avevano quasi fatto scoppiare un caso diplomatico. Anche per questo Max Verstappen si è affrettato a chiedere scusa via Facebook.

Per chi non avesse seguito la querelle l’olandese della Red Bull aveva dichiarato alla stampa scritta presente a Sakhir che cercare un chiarimento con il pilota Williams sarebbe stato inutile “perché brasiliano e quindi senza argomenti”. Un commento borderline che il paulista aveva incassato ricordando in maniera minacciosa al 18enne dell’esistenza di un Gp del Brasile, per cui era meglio tacere onde evitare ripercussioni una volta sul territorio.

Così nel giorno di Pasquetta il vincitore del Gp di Spagna 2016, sicuramente imboccato dal suo entourage, ha fatto pubblica ammenda. “Essendo un pilota emotivo ho reagito male all’esito del mio ultimo stint nel Q3. E dunque ho rilasciato affermazioni a caldo che sono state poi decontestualizzate. Non era assolutamente mia intenzione insultare i brasiliani, per cui nutro profondo rispetto e che sono sempre gentili nei miei confronti quando visito il Paese”.

“Uno dei momenti più belli della mia carriera è stata proprio il round di Interlagos dello scorso anno”. Ha provato a correggere il tiro sulla piattaforma sociale, riportando alla memoria dei tifosi la sua rimonta sotto il diluvio fino alla terza piazza. “Era stato qualcosa di davvero speciale. Soprattutto perché lo avevo fatto in una terra che ci ha regalato nomi leggendari come Ayrton Senna, Nelson Piquet ed Emerson Fittipaldi. Quindi ci tengo a chiedere perdono a tutti i brasiliani che si sono sentiti offesi. Non vedo l’ora di correre da voi”.

Per Max Verstappen il weekend di Manama non è stato dei migliori. Il figlio di Jos dopo un sabato sotto le attese, in corsa si è dovuto ritirare per un improvviso guasto al cambio che lo ha bloccato mentre era in lotta per il podio.

Chiara Rainis